Home . Fatti . Esteri . Turchia, autobomba a Diyarbakir: otto morti

Turchia, autobomba a Diyarbakir: otto morti

ESTERI
Turchia, autobomba a Diyarbakir: otto morti

Autobomba a Diyarbakir (AFP PHOTO)

Una forte esplosione provocata da un'autobomba è stata registrata a Diyarbakir, città a maggioranza curda nel sud-est della Turchia. Otto morti, tra i quali sei civili e due uomini delle forze di sicurezza: è questo il bilancio ufficiale dell'esplosione. A riferirlo è stato il premier Binali Yildirim, dopo che il ministro della Giustizia Bekir Bozdag aveva parlato di diversi "martiri" sia tra le forze di sicurezza che tra i civili.

La deflagrazione, come hanno confermato dall'ufficio del governatore di Diyarbakir, ha colpito una sede della polizia nel quartiere di Baglar ed è stata provocata da un'autobomba. L'esplosione è avvenuta poche ore dopo l'arresto di parlamentari del partito filo-curdo Hdp, compresi i due copresidenti Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag.

Le autorità turche avrebbero limitato e rallentato l'accesso ai social network come Instagram, Facebook, YouTube, Twitter e al servizio di messaggistica istantanea WhatsApp. Lo ha riferito il gruppo Turkey Blocks, che monitora la rete internet in Turchia e che collega le difficoltà di accesso, iniziate nella notte, agli arresti di esponenti del partito filo-curdo Hdp, tra cui i leader Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag.

Secondo Turkey Blocks, la restrizione all'accesso alla rete è "sempre più utilizzata in Turchia per tacitare la copertura mediatica di incidenti politici, una forma di censura attuata per evitare disordini". Il gruppo ha evidenziato che all'inizio della settimana è stato registrato uno "spegnimento totale di internet" che ha colpito "milioni di utenti" nel sud-est della Turchia.

Nella notte, la retata delle autorità turche contro politici curdi nell'ambito di un'inchiesta antiterrorismo: in una serie di blitz sono stati arrestati i co-presidenti del partito Hdp, Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag, insieme ad altri parlamentari. Demirtas è stato arrestato nella sua casa di Diyarbakir e, prima di essere portato via, ha fatto in tempo a twittare: le forze di sicurezza "sono alla porta". Yuksekdag è stata arrestata nella sua abitazione di Ankara. Entrambi sono accusati di diffondere propaganda terroristica e, secondo una nota del governo, sono stati arrestati dopo essersi rifiutati di comparire in tribunale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI