Home . Fatti . Esteri . Cina, assolto 21 anni dopo essere stato giustiziato

Cina, assolto 21 anni dopo essere stato giustiziato

ESTERI
Cina, assolto 21 anni dopo essere stato giustiziato

Foto di repertorio (Fotogramma)

Assolto dalle accuse di stupro e omicidio 21 anni dopo essere stato giustiziato. E' accaduto in Cina, dove la Corte suprema ha riconosciuto l'innocenza di Nie Shubin, mandato a morte nel 1995, all'età d 21 anni, perché accusato di aver violentato e ucciso una donna nella città di Shijiazhuang, nel nord del Paese.

Secondo i giudici del massimo tribunale cinese, Nie venne condannato "senza uno straccio di prova" e molto probabilmente la sua confessione venne estorta con la violenza. Già nel 2005, un altro uomo, Wang Shujin, già in carcere per altri motivi, aveva confessato di essere lui il responsabile del crimine.

Sulla base di recenti riforme del sistema penale, tutte le pene capitali devono essere valutate dalla Corte suprema del popolo. Il numero di esecuzioni in Cina è segreto ma i gruppi per i diritti umani ritengono che siano migliaia ogni anno.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI