Home . Fatti . Esteri . Afghanistan, disperato appello docenti rapiti a Trump /Video

Afghanistan, disperato appello docenti rapiti a Trump

ESTERI
Afghanistan, disperato appello docenti rapiti a Trump /Video

Il professore australiano Timothy Weekes e il collega americano Kevin King, rapiti a Kabul nel mese di agosto, hanno lanciato un appello al presidente eletto Donald Trump per chiedere di negoziare il loro rilascio con i talebani.

Il messaggio, arrivato attraverso un video caricato su YouTube, è la prima prova pubblica dell'esistenza in vita dal momento del loro rapimento e, secondo quanto affermato da uno dei prigionieri, è stato girato il 1 gennaio. "Se resteremo qui ancora a lungo saremo uccisi. Io non voglio morire, sono solo e ho paura", ha affermato con le lacrime agli occhi Weekes, chiedendo ai membri della sua famiglia di parlare con il governo americano per ottenere la sua liberazione.

"Non sappiamo per quanto tempo i talebani saranno pazienti con noi", ha detto King, spiegando che saranno giustiziati se non ci sarà uno scambio con i prigionieri talebani detenuti presso la base aerea di Bagram e la prigione di Pul-e-Charkhi. "Signor Donald Trump, ve lo chiediamo per favore di negoziare con i talebani. Se non lo farà saremo uccisi. Siamo nelle vostre mani", ha chiesto King.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI