Home . Fatti . Esteri . Siria, distrutta dall'Is la facciata del teatro romano di Palmira

Siria, distrutta dall'Is la facciata del teatro romano di Palmira

ESTERI
Siria, distrutta dall'Is la facciata del teatro romano di Palmira

(Xinhua)

"L'organizzazione terroristica del Daesh (Is) ha distrutto la facciata del teatro romano e il Tetrapilo nella città di Tadmur", l'antica città siriana di Palmira, nota per il sito archeologico patrimonio dell'umanità. Lo riferisce l'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana, che cita "fonti della società civile".

Il Tetrapilo, di epoca romana, è considerato uno dei 'gioielli' del sito di Palmira. I jihadisti dell'Is hanno nuovamente occupato lo scorso dicembre la città che si trova nella provincia di Homs, nella Siria centrale, dopo che a marzo le forze di Damasco avevano ripreso il controllo della zona.

A Palmira, come altrove, l'Is si è reso responsabile di un'infinità di atrocità, anche della decapitazione dell'archeologo siriano Khaled Asaad, custode del sito della città.

UNESCO - "Questa distruzione è un nuovo crimine di guerra e una perdita immensa per il popolo siriano e per l'umanità". Lo afferma il direttore generale dell'Unesco, Irina Bokova, dopo le notizie e le immagini satellitari sulla distruzione del Tetrapilo e di parti del proscenio del teatro romano della città.

"E' un nuovo attacco contro il patrimonio culturale che, a poche ore dalle notizie ricevute dall'Unesco riguardo esecuzioni di massa nel teatro, dimostra come la pulizia culturale da parte degli estremisti violenti stia cercando di distruggere sia vite umane che monumenti storici per privare il popolo siriano del suo passato e del suo futuro - aggiunge la Bokova in una nota - E' per questo che la tutela del patrimonio è inalienabile della difesa delle vite umane".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI