Home . Fatti . Esteri . Pakistan, Is fa strage al santuario sufi: almeno 88 morti

Pakistan, Is fa strage al santuario sufi: almeno 88 morti

ESTERI
Pakistan, Is fa strage al santuario sufi: almeno 88 morti

(Afp)

Continua a salire il bilancio delle vittime della strage al santuario sufi nella provincia pakistana del Sindh. Le ultime notizie confermate dalle autorità locali parlano di 88 morti e 343 feriti, 76 dei quali versano in gravi condizioni.

L'Is ha rivendicato l'attacco tramite l'organo di propaganda del gruppo Amaq. Il governo provinciale del Sindh, dove si trova il santuario Lal Shahbaz Qalandar, ha proclamato tre giorni di lutto.

Centinaia di dimostranti sono scesi in piazza a Sehwan, la città teatro ieri della strage. Secondo quanto riferito dai media locali, la polizia ha sparato lacrimogeni per disperdere i manifestanti che hanno chiesto giustizia per le vittime e un rafforzamento delle misure di sicurezza.

Dopo l'attacco le autorità pakistane per motivi di sicurezza hanno deciso di chiudere il confine con l'Afghanistan e centinaia di afghani, anche decine di malati, sono rimasti bloccati.

In centinaia tra afghani e pakistani passano ogni giorno dal valico di Torkham (all'altezza della provincia afghana di Nangarhar) per incontrarsi con amici e parenti o per essere assistiti in strutture mediche pakistane. Le autorità di Islamabad non hanno chiarito per quanto tempo resterà chiusa la frontiera.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI