Home . Fatti . Esteri . Brexit e i britannici in Italia: "Rischio espulsione, non vogliamo andare come pecore al macello"

Brexit e i britannici in Italia: "Rischio espulsione, non vogliamo andare come pecore al macello"

ESTERI
Brexit e i britannici in Italia: Rischio espulsione, non vogliamo andare come pecore al macello

(Afp)

"E' una cosa molto seria, siamo veramente preoccupati, rischiamo di dover lasciare l'Italia". Harry Shindler, uno dei più noti britannici residenti nel nostro paese, lancia l'allarme dopo le indiscrezioni sullo stop alla libera circolazione dei cittadini Ue che il governo di Theresa May vorrebbe imporre a metà marzo, quando partirà la richiesta ufficiale di negoziati per la Brexit. "Se questo è vero", dice all'Adnkronos, c'è il rischio di ritorsioni contro i britannici che vivono all'estero, "non è fantapolitica", qui c'è gente "che ha il proprio business in Italia, rischiamo di dover tornare in Inghilterra".

Veterano di guerra sbarcato ad Anzio, Shindler è un attivista anti Brexit e per il diritto di voto dei britannici all'estero. E, nonostante i suoi 95 anni, è deciso a battersi fino in fondo. Noi britannici all'estero "non vogliamo andare come pecore al macello", assicura con il suo italiano dal forte accento londinese. Assieme ad altri compatrioti in Italia, Shindler ha già scritto una lettera al ministro dell'Interno Marco Minniti per chiedere un incontro e ottenere assicurazioni sul futuro trattamento dei britannici nel nostro Paese.

"Vogliamo essere noi inglesi che abitiamo qui a negoziare con il governo italiano. Il governo di Londra non può parlare per noi, non ci ha fatto votare al referendum", spiega Shindler, alludendo al fatto che dopo 15 anni di permanenza all'estero i britannici perdono il diritto di voto.

Non a caso Shindler è stato fra i promotori del ricorso davanti all'Alta corte britannica per poter votare al referendum sulla Brexit, che però è stato respinto. Residente da 35 anni nelle Marche, Shindler è anche un punto di riferimento per tutti i suoi compatrioti che hanno perso i loro cari morti da soldati in Italia, attività per la quale è stato decorato dalla regina Elisabetta. Fu lui a ricostruire le circostanze della morte del padre del musicista dei Pink Floyd Roger Waters dopo lo sbarco ad Anzio.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI