Home . Fatti . Esteri . Usa, madre di 6 figli rischia espulsione: deputato si fa arrestare

Usa, madre di 6 figli rischia espulsione: deputato si fa arrestare

ESTERI
Usa, madre di 6 figli rischia espulsione: deputato si fa arrestare

A young muslim Protester, who did not want to be named, marches during a rally against the travel ban at San Diego International Airport on March 6, 2017 in San Diego, California. US President Donald Trump signed a revised ban on refugees and on travelers from six Muslim-majority nations, scaling back the order to exempt Iraqis and permanent US residents. / AFP PHOTO / Sandy Huffaker

Per cercare di impedire che una madre di sei figli, tutti americani come il marito con il quale vive negli Stati Uniti da 18 anni, venga rimpatriata il deputato Luis Gutierrez si è fatto arrestare dagli agenti dell'Immigrazione. L'arresto durante un sit in organizzato dal democratico di fronte all'edificio federale di Chicago che ospita gli uffici l'Immigration and Customs Enforcement (Ice).

Con tutta la famiglia a parte lei con la cittadinanza e un lavoro, Francesca Lino, che ha 50 anni, aveva sperato di essere al riparo dal rischio di rimpatrio. Ma invece la scorsa settimana, durante il suo primo confronto con l'Ice dell'era Trump, le è stata comunicata l'espulsione e l'ordine di lasciare il Paese entro l'estate. "Sono terrorizzata, non riesco a immaginare la mia vita senza mia madre, stiamo parlando di quello che dovremmo fare", ha dichiarato al 'Washington Post', Britzy Lino, una delle figlie che ha 16 anni.

Ai giornalisti che l'hanno intervistata sul luogo del sit in, la donna ha detto di essere disperata e di non escludere anche gesti di protesta "estremi": qualsiasi cosa succederà, ha aggiunto, "noi cercheremo di stare insieme e lotteremo per questo".

E sono in effetti anni che Francesca Lino, da 15 anni seguita dal deputato Gutierrez , lotta per rimanere insieme alla sua famiglia, da quando nel 2008 le è stato notificato che la domanda per la green card presentata nel 2005 per ricongiungimento familiare con il marito americano era stata rifiutata. Questo perché nel 1999 era stata bloccata mentre cercava di entrare, una prima volta, clandestinamente nel Paese e quindi espulsa.

Gutierrez e i legali della donna erano riusciti allora a rinviare l'ordine di espulsione fino all'insediamento di Barack Obama che, appena arrivato alla Casa Bianca, diede indicazione ai funzionari dell'Immigrazione di concentrarsi sulle persone senza documenti che rappresentano una minaccia per la società e non madri di famiglia come Lino senza alcun precedente penale.

Ma ora con Trump alla Casa Bianca i funzionari dell'immigrazione sono stati irremovibili, la donna non può rimanere più nel Paese ed entro luglio deve partire per il Messico, lasciando tutta la sua famiglia in America.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI