Home . Fatti . Esteri . Brexit, tutto quello che c'è da sapere sull'uscita dall'Ue

Brexit, tutto quello che c'è da sapere sull'uscita dall'Ue

ESTERI
Brexit, tutto quello che c'è da sapere sull'uscita dall'Ue

(Afp)

Parte oggi ufficialmente il divorzio del Regno Unito dall'Unione Europea. Ma cosa si intende per Brexit? Il termine, diventato rapidamente di uso comune è formato dalla fusione delle parole Britain ed exit, proprio come Grexit, in passato, quando si paventava l’uscita della Grecia dall'Eurozona.

Come è stata decisa la Brexit? La decisione della Gran Bretagna di lasciare l'Unione europea è stata presa con il referendum che si è tenuto giovedì 23 giugno 2016, dove il Leave ha vinto con il 51,9% contro il 48,1% del Remain. L'affluenza è stata del 71,8%, con oltre 30 milioni di persone di voto. La percentuale in Inghilterra e Galles è salita al 53%, per crollare al 44% in Irlanda del Nord e al 38% in Scozia.

Cosa è cambiato nel governo dopo il referendum? L'ex ministro degli Interni Theresa May prende il posto di David Cameron, dimessosi il giorno dopo aver perso il referendum. Come Cameron, la May era schierata a favore del Remain, ma ha tenuto un profilo molto basso nella campagna e non è mai stata considerata un'appassionata dell'Ue. "Brexit significa Brexit" , ha ripetuto più volte nei suoi discorsi, promettendo di innescare il processo di uscita entro la fine di marzo.

Come ha reagito l'economia? David Cameron, il suo Cancelliere George Osborne e molte altre figure di alto livello a favore dell'Ue avevano previsto una crisi economica immediata con la Brexit. I prezzi delle case sarebbero crollati, ci sarebbe stata una recessione con un grande aumento della disoccupazione e un bilancio di emergenza sarebbero stato necessario per operare grandi tagli alla spesa pubblica. In realtà dopo il referendum la sterlina è rimasta inferiore di circa il 15% nei confronti del dollaro e del 10% contro l'euro, ma le previsioni di crollo immediato non sono state disattese con l'economia britannica che è cresciuta dell'1,8% nel 2016, seconda solo alla Germania. L'inflazione è salita al 2,3% nel mese di febbraio, il tasso più alto in tre anni e mezzo, ma la disoccupazione ha continuato a diminuire, mantenendosi al livello più un basso in 11 anni.

Quando la Gran Bretagna lascerà realmente l'Ue? Per lasciare l'Unione europea il Regno Unito deve attivare l'articolo 50 del Trattato di Lisbona, che conferisce alle parti due anni per concordare i termini della scissione. Innescato oggi questo processo, Londra dovrebbe lasciare entro l'estate del 2019, in base al calendario preciso concordato durante i negoziati. Fino a quel momento resterà un membro a tutti gli effetti della Ue.

Il governo intende poi emanare il cosiddetto Great Repeal Bill, che deve convertire o incorporare tutte la legislazione Ue in leggi britanniche, dopo di che il governo deciderà quali parti mantenere, modificare o rimuovere. Tuttavia nessuno conosce con precisione i tempi, dal momento che l'articolo 50, creato solo alla fine del 2009, non è mai stato utilizzato. Secondo il Cancelliere Philip Hammond, il processo potrebbe richiedere fino a sei anni, visto che i termini dovranno essere concordati da 27 parlamenti nazionali.

Qual è stato il ruolo della Corte Suprema? Dopo una battaglia legale, la Corte suprema del Regno Unito lo scorso gennaio ha stabilito che il Parlamento doveva essere consultato prima di attivare l'articolo 50. Per questo sia la Camera dei Comuni sia la Camera dei Lord hanno dovuto approvare la legge che autorizza l’avvio dell’iter verso il divorzio del Regno Unito dall’Unione europea. L'ok è arrivato dopo che i laburisti, che si sono visti respinti i loro emendamenti per garantire i diritti dei cittadini dell'Ue già nel Regno Unito e il diritto di veto del Parlamento prima di qualsiasi accordo, hanno deciso di approvare il testo del governo per la Brexit.

Chi negozierà l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea? Theresa May ha istituito un dipartimento del governo, guidato dal deputato conservatore David Davis. All'ex segretario alla Difesa, Liam Fox, è stato affidato l'incarico di ministro del Commercio Internazionale, mentre Boris Johnson è ministro degli Esteri. Questi uomini, soprannominati i 'Tre Brexiter', parteciperanno ad ogni step dei negoziati con l'UE e cercheranno nuovi accordi internazionali, anche se sarà la premier ad avere l'ultima parola. Gli accordi commerciali post-Brexit è probabile che saranno la parte più complessa della trattativa perché avranno bisogno dell'approvazione unanime di più di 30 parlamenti nazionali e regionali di tutta Europa, alcuni dei quali potrebbero voler indire un referendum.

Il probabile obiettivo dei negoziati tra il Regno Unito e l'Unione europea? Con il discorso dello scorso gennaio, Theresa May ha chiaramente fatto sapere che il Regno Unito non ha intenzione di rimanere nel mercato unico dell'Ue, in modo da riprendersi il controllo dell'immigrazione dai Paesi Ue e da potersi ritirare dalla giurisdizione della Corte europea di Giustizia. L'obiettivo è quello di un accordo di libero scambio con l'Unione europea ma senza contribuire al bilancio europeo.

Cosa significa 'soft' e 'hard' Brexit? Non esiste una definizione rigorosa di entrambi i termini, che sono utilizzati per indicare la natura delle relazioni post-Brexit del Regno Unito con la Ue. Quindi, da una parte 'hard' Brexit potrebbe comportare che Londra abbandoni l’Unione Europea, tutti i trattati e le istituzioni europee di cui fa parte, nonché il 'mercato unico' e interrompa la libera circolazione delle persone. Dall'altra parte, con una Brexit 'soft' potrebbe seguire un percorso simile alla Norvegia, che è un membro del mercato unico e deve accettare la libera circolazione delle persone.

Che cosa succede se non c'è nessun accordo con l'Ue? Secondo Theresa May lasciare l'Ue senza alcun accordo sarebbe meglio che firmarne uno cattivo. Senza un accordo sul commercio, il Regno Unito dovrebbe operare secondo le regole dell'Organizzazione mondiale del commercio, che potrebbe significare controlli doganali e delle tariffe. Alcuni sostengono che farebbe poca differenza, perché i partner commerciali del Regno Unito nell'Ue non vorrebbero iniziare una guerra commerciale. Altri dicono che significherà maggiori costi per le imprese britanniche nell'acquisto e nella vendita di merci all'estero.

Ci sono anche perplessità su ciò che potrebbe accadere alla posizione della Gran Bretagna come centro finanziario globale, senza l'accesso al mercato unico, e la frontiera terrestre tra il Regno Unito e l'Irlanda. V'è anche la preoccupazione che gli inglesi che vivono all'estero in Europa possano perdere il diritto di residenza e l'accesso alle cure sanitarie di emergenza gratuite.

Che cosa succederà ai cittadini dell'Ue che vivono nel Regno Unito? Il governo non ha voluto fornire una garanzia sullo stato di cittadini dell'Unione che attualmente vivono nel Regno Unito, dicendo che questo non è possibile senza un impegno reciproco da parte degli altri Paesi altri membri circa i milioni di cittadini britannici che vivono nel Continente. Coloro che hanno ottenuto il diritto di soggiorno permanente, che viene concesso dopo che hanno vissuto nel Regno Unito per cinque anni, non dovrebbero vedere toccati i diritti acquisiti.

Che cosa succede ai cittadini del Regno Unito che lavorano nell'Ue? Molto dipende dal tipo di accordo che si raggiungerà. Se il governo decide di imporre restrizioni per il permesso di lavoro ai cittadini europei, altri paesi potrebbero fare altrettanto, costringendo i britannici a richiedere il visto di lavoro.

E ai cittadini europei che desiderano lavorare nel Regno Unito? Ancora una volta, dipende dal fatto se il governo britannico deciderà di introdurre un sistema di permessi come quello che attualmente si applica ai cittadini non comunitari, limitando l'ingresso di lavoratori qualificati nelle professioni in cui vi è carenza.

Ci sarà bisogno di un visto per l'Ue? Mentre potrebbero esserci limitazioni sulla capacità dei cittadini britannici di vivere e lavorare nei paesi dell'Ue, sembra improbabile che si vogliano scoraggiare i turisti. Ci sono molti paesi al di fuori dello spazio economico europeo, che comprende i 28 paesi dell'Ue più Islanda, Liechtenstein e la Norvegia, che i cittadini britannici possono visitare fino a 90 giorni senza bisogno di un visto, ed è possibile che tali accordi potrebbero essere negoziati con gli paesi europei .

Ci sarà una diminuzione dell'immigrazione? Secondo la May questo sarà un obiettivo dei negoziati della Brexit mentre continuerà ad impegnarsi per ottenere il saldo migratorio - la differenza tra i numeri che entrano ed escono dal paese - ad un livello "sostenibile", che lei definisce come inferiore a 100.000 all'anno. Nell'anno che si è chiuso a settembre, il saldo migratorio è sceso di 49 mila unità, a 273 mila, il primo significativo calo da oltre quattro anni. Di questi 165.000 erano cittadini europei, e 164.000 extracomunitari. La cifra include un deflusso di 56.000 cittadini britannici.

Potrebbe esserci un secondo referendum? Sembra altamente improbabile. Sia i conservatori che il partito laburista hanno escluso un altro referendum, sostenendo che si tradirebbe la fiducia dei cittadini britannici che hanno chiaramente votato per il Leave. I liberaldemocratici - che hanno appena una manciata di deputati - hanno promesso di fermare la Brexit e mantenere la Gran Bretagna nell'Unione europea se dovessero vincere le prossime elezioni.

Che ruolo avrà il Parlamento di Londra? May ha voluto evitare una votazione sulla sua posizione negoziale, per evitare di dover rinunciare alle sue priorità, ma ha detto che ci sarà un voto dei Comuni e dei Lord per approvare qualunque trattativa tra il Regno Unito e il resto dell'Unione. Vale la pena ricordare che qualsiasi accordo deve anche essere approvato dal Parlamento europeo - con i deputati britannici che hanno la possibilità di votare.

Che ripercussioni ci saranno per la Scozia? Per il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon la vittoria del Leave è "democraticamente inaccettabile" e la decisione della May di escludere il Regno Unito dal mercato unico dovrebbe lasciare alla Scozia la possibilità di scegliere tra una "Brexit dura" o diventare un paese indipendente, possibilmente nella Ue. Sturgeon ha ufficialmente chiesto, e ottenuto dal Parlamento, il permesso per indire un secondo referendum che si terrà tra l'autunno del 2018 e la primavera 2019.

Cosa significa per l'Irlanda del Nord? La frontiera terrestre tra Irlanda del Nord e la Repubblica d'Irlanda, membro dell'Unione Europea, è probabile che sia una parte fondamentale dei colloqui sulla Brexit, dal momento che per controllare l'immigrazione, Londra dovrebbe chiudere i confini. Theresa May ha detto che si potrebbe negoziare un accordo con l'Unione europea, che permetta una zona di libero spostamento tra il Regno Unito e la Repubblica. Come la Scozia, l'Irlanda del Nord ha votato per rimanere nell'Ue nel referendum dello scorso anno.

Lasciando l'Ue non bisognerà più rispettare la Corte europea dei diritti dell'uomo? La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) di Strasburgo non è un'istituzione dell'Unione europea. E' stata istituita dal Consiglio d'Europa, che ha 47 membri, tra cui la Russia e l'Ucraina. Lasciare l'Ue non esonera il Regno Unito dalle sue decisioni. Tuttavia, il governo britannico è impegnato ad introdurre misure che permetteranno di rafforzare il potere dei giudici britannici e del Galles nell'interpretare e attuare le sentenze che arrivano dalla CEDU.

Il Regno Unito potrà ricongiungersi con l'Unione europea in futuro? Se il Regno Unito, o qualunque altro Stato membro che si è ritirato, chiede nuovamente l'adesione, la sua richiesta viene sottoposta allo stesso procedimento previsto per uno Stato che desideri aderire.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI