Home . Fatti . Esteri . Abu 'il belga', chi è il killer degli Champs Elysées

Abu 'il belga', chi è il killer degli Champs Elysées

ESTERI
Abu 'il belga', chi è il killer degli Champs Elysées

(Afp)

I servizi segreti francesi e la polizia conoscevano già Karim Cheurfi, il 39enne che ieri sera ha aperto il fuoco con kalashnikov un contro gli agenti di polizia sugli Champs-Elysées a Parigi. Noto alle autorità come soggetto radicalizzato, sull'avenue parigina ha ucciso un poliziotto, ferendo altri due agenti e una turista straniera, prima di venire freddato.

Mentre la polizia francese si è messa sulle sue tracce, conducendo perquisizioni nel domicilio del 39enne, l'attacco è stato prontamente rivendicato dall'Is. L'agenzia Amaq, legata al gruppo jihadista, ha riferito che l'attacco è stato compiuto da "combattenti" dello Stato Islamico, uno dei quali viene individuato in Abu Yusuf al Beljiki, "il belga".

Cheurfi era già noto alla polizia, contro la quale aveva diretto la sua violenza. Molto prima dell'attentato di ieri sera sugli Champs Elysees, il 39enne aveva dimostrato, lontano da qualsiasi contesto terroristico, odio e risentimento contro le forze di sicurezza.

L'episoio risale al 6 aprile del 2001. Quel giorno, Cheurfi appena 23enne e già noto alla polizia per piccoli reati, venne sorpreso a guidare una vettura rubata a Roissy-en -Brie (Seine-et-Marne). Nel tentativo di fuggire si schiantò contro un'altra vettura, sulla quale viaggiavano un giovane poliziotto e il suo fratello minore. Incuriositi dalla targa che sembrava falsa, i due uomini decisero di seguire l'auto, che dopo aver sbandato finì in un fosso. A quel punto scattò un conflitto a fuoco in cui l'agente rimase ferito, mentre Cheurfi venne arrestato.

Due giorni dopo, l'8 aprile, mentre si trova in stato di fermo in commissariato riuscì a sottrarre una pistola a un poliziotto e a sparargli, ferendolo gravemente. Il 9 aprile venne incriminato per tentato omicidio e nel 2003 condannato a 20 anni di reclusione, ridotti a 15 anni in appello nel 2005. Dodici anni dopo, troviamo l'uomo a Chelles (Seine-et-Marne), dove si dedica ufficialmente alla vendita di capi di abbigliamento in un mercato. Continuando ad odiare la polizia. Fino all'attacco di ieri sera.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI