Furia Trump dopo il 'caso Comey', rimpasto in vista?

Donald Trump continua ad essere infuriato per come i suoi più stretti consiglieri hanno gestito il dopo licenziamento di James Comey, e starebbe valutando un possibile rimpasto alla Casa Bianca. E' quanto rivela il giornale online Axios, citando come fonte un amico e confidente del presidente.

"E' frustrato ed arrabbiato con tutti", racconta la fonte spiegando che il presidente starebbe ricevendo il consiglio, da amici e consiglieri esterni alla Casa Bianca, di rispondere con una "grande scossone" che potrebbe coinvolgere non solo il portavoce Sean Spicer, da giorni dato in uscita, ma anche il capo dello staff Reince Priebus e il capo stratega Stephen Bannon, eterni duellanti per il controllo della West Wing.

Anche il New York Times, citando sei fonti diverse di West Wing, ha scritto che Trump sta valutando un sostanziale rimpasto, e che si considera insoddisfatto soprattutto da Spicer, protagonista di una vera e propria debacle nel cercare di gestire l'immediata reazione della stampa alla notizia del licenziamento del direttore dell'Fbi.