Home . Fatti . Esteri . Usa, auto travolge corteo antirazzista: muore una donna

Usa, auto travolge corteo antirazzista: muore una donna

ESTERI
Usa, auto travolge corteo antirazzista: muore una donna

(Afp)

Il Consigliere americano per la Sicurezza Nazionale, HR McMaster, ha definito un atto di "terrorismo" l'attacco di un'auto contro la folla ieri a Charlottesville, in Virginia. "Ogni volta che viene commesso un attacco contro la gente per incitare il terrore è terrorismo. Rientra nella definizione di terrorismo", ha detto l'alto esponente dell'amministrazione Trump all'emittente Abc.

L'auto ha travolto alcuni dimostranti antirazzisti che manifestavano contro il raduno dei suprematisti bianchi. Una manifestante morta e 30 feriti il triste bilancio, compresi i feriti negli scontri a margine del raduno. Diverse persone hanno riportato fratture alle gambe. Il conducente dell'auto è stato fermato dalla polizia. E' un ventenne, si chiama James Alex Fields ed è dell'Ohio.

Tutto è nato dalla protesta dei suprematisti bianchi contro la rimozione di un statua del generale Lee da un parco. Secondo il 'Washington Post', che cita un testimone, chi era alla guida avrebbe ha agito in maniera "assolutamente intenzionale". L'auto ha colpito la folla, dopo che la polizia aveva disperso il raduno di suprematisti bianchi che sarebbe dovuto cominciare a mezzogiorno ora locale.

Poco prima, il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, aveva dichiarato lo stato d'emergenza a Charlottesville e la polizia aveva proclamato un'allerta per assembramento illegale. Dopo lo sgombero del parco, dove era previsto il raduno, sono proseguiti scontri fra suprematisti e manifestanti antirazzisti nelle strade vicine del centro della cittadina. E' stato a questo punto, nel primissimo pomeriggio, che l'auto ha travolto i manifestanti antirazzisti in un'area pedonale. Su Twitter con l'hashtag Charlottesville il video choc con le immagini dell'auto che falcia la folla di manifestanti in Virginia.

Il dipartimento americano di Giustizia ha aperto un'inchiesta federale. Lo ha annunciato l'Attorney generale Jeff Sessions con una dura dichiarazione di condanna contro "faziosità razzista e odio".

POLEMICA CONTRO TRUMP- Sale la polemica contro Donald Trump accusato di non aver esplicitamente condannato i suprematisti bianchi per le violenze di Charlottesville. Numerosi gruppi per i diritti civili hanno esortato il presidente americano a prendere posizione, dopo che Trump ha genericamente attribuito le violenze a "diverse parti".

Anche molti esponenti repubblicani hanno chiesto a Trump di prendere chiaramente posizione contro i suprematisti bianchi. "Mr. Presidente. Il male va chiamato con il suo nome. Questi erano suprematisti bianchi e questo era terrorismo interno", ha twittato il senatore del Colorado Cory Gardner. Sarebbe "molto importante per il Paese sentire il presidente che descrive gli eventi di Charlottesville per quello che sono, un attacco terroristico da parte di suprematisti bianchi", gli ha fatto eco il senatore della Florida Marco Rubio.

"I nazisti, il Ku Klux Klan e i suprematisti bianchi sono repellenti e malvagi, abbiamo tutti l'obbligo morale di stigmatizzare le bugie, la faziosità, l'antisemitismo e l'odio che diffondono", ha dichiarato il senatore superconservatore del Texas, Ted Cruz. Sia Cruz che Rubio sono stati avversari di Trump alle primarie.

Durissimi commenti sono giunti da altri autorevoli repubblicani. "I suprematisti bianchi non sono patrioti ma traditori", ha twittato il senatore John McCain. "I nostri cuori sono con le vittime. I suprematisti bianchi sono un flagello. Questo odio e il suo terrorismo devono essere affrontati e sconfitti", ha scritto su Twitter lo speaker della Camera, Paul Ryan.

Per il consigliere per la sicurezza interna della Casa Bianca, Tom Bossett, Trump non ha voluto dare "dignità" ai suprematisti nominandoli. Bossett ha voluto così giustificare il presidente americano per non aver condannato esplicitamente i suprematisti bianchi per le violenze di Charlottesville. Secondo Bossett, intervistato ala Cnn, Trump "non solo ha condannato la violenza" ma ha anche esortato gli americani "ad amarsi l'un l'altro" il che rappresenta "un attacco fondamentale all'odio che abbiamo visto".

IVANKA TRUMP - "Non vi deve essere nessun posto nella nostra società per il razzismo, il suprematismo bianco e i neo nazisti" ha scritto su Twitter Ivanka Trump. "Dobbiamo unirci come americani ed essere un solo paese UNITO", ha aggiunto la figlia consigliera del presidente americano.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI