Home . Fatti . Esteri . Lunatico e spietato: chi è Kim

Lunatico e spietato: chi è Kim

ESTERI
Lunatico e spietato: chi è Kim

(Afp)

di Marta Repetto

"Grasso ragazzino pazzo", "monello grassoccio", "un pazzo totale". Sul leader nordcoreano Kim Jong-un, 33 anni, una nazione da guidare con pugno di ferro e terrore e un arsenale nucleare a disposizione, si è davvero sentito di tutto. Dai numerosi epiteti sfornati all'occorrenza dal presidente Trump (e dall'intera amministrazione Usa), fino ad arrivare allo scherno quasi quotidiano dei vicini cinesi sulla sua stazza, nessuno sembra essere davvero interessato ad approfondire la figura e, soprattutto, le reali capacità del nemico al di là dell'immagine proiettata dalla pomposa propaganda di regime. Ma chi è davvero Kim e cosa non conosciamo ancora di lui? A chiederselo è il New York Times, che ne ha pubblicato un lungo ritratto con particolari inediti dell'infanzia, giungendo alla conclusione che il leader asiatico "è stato sottovalutato troppo a lungo".

Ultimo dei tre figli di Kim Jong-il fra quelli avuti con la terza moglie, si narra che Kim Jong-un avesse scavalcato i fratelli nella successione al padre molto prima della sua morte. Salito al potere a soli 27 anni, in molti erano pronti a scommettere che l'inesperienza del giovane non lo avrebbe fatto durare a lungo. Sei anni più tardi - sottolinea il New York Times - non c'è dubbio che ad oggi si trovi saldamente al comando.

Figlio adorato del padre, che ne riconosceva la naturale attitudine al dominio, all'età di 8 anni ha ricevuto la sua prima divisa militare da generale. Dipinto come "genio fra i geni" dalla stampa nordcoreana, si racconta che a 16 anni abbia pubblicato un'analisi della leadership di suo nonno durante la guerra di Corea.

Dal 1996 fino almeno al 2000, racconta ancora il New York Times, Kim Jong-un ha studiato all'estero, precisamente in Svizzera, sotto le mentite spoglie del figlio di un diplomatico nordcoreano. Qui, si dice abbia avuto problemi con la lingua tedesca nel corso delle lezioni, mentre un video registrato all'epoca lo ritrae in classe impacciato alle prese con un tamburello.

"Non eravamo i ragazzi più deboli della classe, ma nemmeno i più svegli", ha raccontato a un tabloid britannico un compagno di classe dell'epoca, Joao Micaelo. Secondo i racconti di Micaelo, Kim era un adolescente tranquillo che amava i film di James Bond e giocava a basket. A distinguerlo dagli altri, costose scarpe da ginnastica, qualche gadget di lusso e un cuoco, un autista e un tutor privato a disposizione. E qualche scatto nervoso di troppo, sembra, come quando - aveva raccontato nel 2010 un altro compagno di corso - Kim aveva duramente rimproverato un cameriere per un piatto di spaghetti mal cotti.

La prima uscita pubblica con copertura mediatica di Kim risale al settembre 2010, quando quello che sarà il futuro leader del Paese viene presentato come generale eletto a vice capo della Commissione Militare Centrale. Fino ad allora nessuno aveva mai visto una sua foto da adulto. E nessuno sembrava certo che proprio Kim di lì a poco avrebbe ereditato il comando.

Da quel poco che è noto del suo governo , spietatezza e poca flessibilità mentale sembrano essere suoi marchi di fabbrica. "Intelligente, pragmatico, deciso - lo ha definito Andrei Lankov, esperto di Corea del Nord dell'università Kookmin di Seoul - "ma anche capriccioso, lunatico e pronto a uccidere facilmente". Secondo i funzionari di intelligence sudcoreani, il dittatore avrebbe infatti giustiziato diversi alti funzionari compreso suo zio, un broker di potere a suo tempo indicato come suo mentore. Si sospetta inoltre sia stato il mandante dell'assassinio del fratellastro, avvelenato all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur in Malesia nel febbraio scorso. Ma non c'è solo questo: a Kim si deve anche una (modesta) crescita sia nel settore economico che in quello ingegneristico, settori crollati sotto il regime paterno causando un lungo periodo di carestia nel Paese.

Dall'ascesa al potere, Kim non ha ancora mai viaggiato o ospitato un altro capo di Stato. Pochissimi invece sono stati autorizzati a incontrarlo, fra questi l'ex star del basket Dennis Rodman - entusiasta nel vedere una folla adorante "con le lacrime agli occhi e in piedi per un applauso di mezz'ora" al leader - e un sushi chef giapponese, poi fuggito.

Un argomento sul quale Kim non fa invece alcun mistero - sottolinea ancora la storica testata americana - è il programma nucleare. Se il padre aveva addirittura valutato la possibilità di fermare il programma in cambio di aiuti economici e di garanzie di sicurezza - abbozzando anche un accordo con l'amministrazione Clinton, più tardi violato - l'attuale leader nordcoreano ha invece adottato un approccio più aggressivo.

Tre dei cinque test nucleari della Corea del Nord sono infatti andati a buon fine e ci sono segnali che il Paese ne stia preparando un altro. Dalla sua elezione, il Paese ha anche condotto circa 80 test missilistici, più del doppio di quelli effettuati da nonno e padre messi insieme.

Con i lanci del 4 e del 28 luglio scorsi, la nazione ha inoltre ottenuto un grandissimo risultato, dimostrando - e trovando conferma negli analisti internazionali - che i missili balistici intercontinentali in dotazione al Paese sono in grado di arrivare a colpire l'Alaska e, nel test più recente, anche gli Stati Uniti continentali. Durante entrambi i test, i media nordcoreani hanno mostrato un Kim-supervisore, sorridente e circondato da soldati. Un sorriso, viene da pensare, alle spalle di chi, come Trump, lo ha finora forse fin troppo sottovalutato, sottostimandone la reale pericolosità.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI