Home . Fatti . Esteri . Migranti, Austria schiera 70 soldati al Brennero. Viminale: ingiustificato

Migranti, Austria schiera 70 soldati al Brennero. Viminale: ingiustificato

ESTERI
Migranti, Austria schiera 70 soldati al Brennero. Viminale: ingiustificato

(Afp)

L'Austria ha iniziato a dispiegare militari al Brennero per aiutare la polizia a monitorare i movimenti di migranti. Lo ha annunciato il capo della polizia del Tirolo, Helmut Tomac, precisando che al contempo non saranno resi più rigidi i controlli al confine con l'Italia. Tomac ha precisato che, sebbene la situazione al Brennero sia stabile, c'è stato il mese scorso un aumento nel numero di migranti che arrivano al confine a bordo di camion con l'obiettivo di entrare in Austria.

I 70 soldati dispiegati assisteranno la polizia operando in una zona di una trentina di chilometri. "Non dobbiamo solo impedire l'immigrazione illegale - ha spiegato Tomac - ma anche salvare vite". L'annuncio arriva dopo le polemiche delle settimane scorse, quando il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil aveva annunciato il dispiegamento di militari e l'invio di blindati al Brennero, provocando la reazione del governo italiano, che aveva convocato alla Farnesina l'ambasciatore a Roma.

VIMINALE - "Si considera sorprendente e non giustificata l’iniziativa di inviare 70 militari al Brennero": è quanto si apprende da fonti del Viminale. La situazione, viene rilevato, "è assolutamente tranquilla, anzi, nei primi sette mesi del 2017, alla frontiera italo-austriaca è stato inibito l’ingresso sul territorio nazionale a 1200 cittadini stranieri, a riprova del trend dei movimenti migratori dall’Austria verso l’Italia".

Il ministro dell’Interno Marco Minniti avrebbe chiesto al Dipartimento della Ps di fare un passo verso i propri omologhi austriaci. Iniziative unilaterali come quelle di queste ore, infatti, "rischiano di pregiudicare il positivo lavoro di cooperazione che quotidianamente viene svolto e che sinora ha prodotto eccellenti risultati".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI