Home . Fatti . Esteri . Kim non si ferma: "Ora tocca a Guam"

Kim non si ferma: "Ora tocca a Guam"

ESTERI
Kim non si ferma: Ora tocca a Guam

(Afp)

Nuove minacce agli Stati Uniti e ai Paesi della regione da parte della Nordcorea. I media di stato di Pyongyang, citando il leader Kim Jong-un, hanno annunciato che il lancio del missile balistico che martedì ha sorvolato il Giappone è stato solamente il "primo passo" di una più vasta operazione militare nel Pacifico. Nuovo obiettivo è il "contenimento di Guam", l'isola sulla quale si trova una base militare Usa, definita una "base avanzata di invasione".

E' la prima volta che attraverso l'agenzia ufficiale Kcna la Nordcorea ammette apertamente il lancio di missili balistici nello spazio aereo giapponese. I lanci precedenti erano stati definiti lanci di satelliti.

Nel frattempo, il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha condannato con forza il lancio nordcoreano, definito "oltraggioso", e ha chiesto a Pyongyang di sospendere tutti i test missilistici. Non sono però state minacciate nuove sanzioni contro il regime.

SEUL E TOKYO CHIEDONO PIÙ PRESSIONE SU PYONGYANG - Più pressione al regime di Kim Jong-un e sanzioni più severe dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E' quanto chiedono il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il presidente sudcoreano Moon Jae.

I due leader, ha affermato il portavoce presidenziale di Seul Park Soo-hyun in conferenza stampa, "hanno valutato la stretta cooperazione bilaterale nell'affrontare la crisi e hanno concordato sulla necessità di aumentare la pressione sulla Corea del Nord a livello estremo per spingerla volontariamente a tornare al tavolo del dialogo". Il lancio del missile con sorvolo del territorio nipponico è ''una violenza oltraggiosa'', ha aggiunto Park riferendo i giudizi espressi da Moon.

Intanto l'Australia sta valutando l'ipotesi di incrementare la sua flotta navale per "far fronte al comportamento molto irregolare della Corea del Nord". Lo ha dichiarato il ministro della Difesa e dell'Industria Christopher Pyne ai giornalisti ad Adelaide, spiegando che i nuovi cacciatorpediniere della Marina potrebbero essere dotati di scudi di difesa missilistica.

ESPERTO DI ORIGINI COREANE NUOVO AMBASCIATORE USA A SEUL - Un esperto di Nordcorea sarà il nuovo ambasciatore scelto da Donald Trump per rappresentare gli Stati Uniti in Corea del Sud. Si tratta, scrive il Guardian, di Victor Cha, studioso di origini coreane ed ex direttore degli Affari asiatici nel Consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca. Cha, che negli ultimi 20 anni ha scritto saggi su Corea, Cina e Giappone, è considerato un 'falco' sulla questione nordcoreana.

Cha ha anche preso parte alla delegazione Usa che durante l'Amministrazione Bush partecipava ai colloqui multilaterali sul programma nucleare nordcoreano. La sua nomina, che dovrà essere ratificata dal Senato, dovrebbe essere annunciata a breve.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.