Home . Fatti . Esteri . Kim: pronti nuovi 'pacchi regalo' per gli Usa

Kim: pronti nuovi 'pacchi regalo' per gli Usa

ESTERI
Kim: pronti nuovi 'pacchi regalo' per gli Usa

(AFP PHOTO)

La Corea del Nord minaccia nuovi "pacchi regalo" per gli Stati Uniti se Washington non metterà fine alle sue "incoscienti provocazioni". L'avvertimento è stato lanciato dall'ambasciatore nordcoreano presso le Nazioni Unite a Ginevra, Han Tae Song , nel corso della Conferenza Onu sul disarmo.

Il recente test nucleare condotto da Pyongyang è "un pacco regalo indirizzato agli Stati Uniti", ha detto Han secondo quanto riporta 'Abc News'. "Gli Usa riceveranno altri pacchi regalo dal mio Paese fino a quando ricorreranno a incoscienti provocazioni e futili tentativi di mettere pressione sulla Repubblica popolare democratica di Corea", ha aggiunto il diplomatico.

La Nordcorea starebbe infatti trasferendo sulla costa ovest un missile balistico intercontinentale (Icbm) per condurre un nuovo test, riporta il quotidiano sudcoreano 'Asia Business Daily', citando una fonte vicina all'intelligence di Seul, secondo cui il trasferimento del vettore sarebbe iniziato all'indomani del test nucleare e avverrebbe di notte, per essere tenuto il più segreto possibile.

Il ministero della Difesa sudcoreano non ha confermato la notizia, anche se fonti dello stesso ministero avevano preallertato sulla possibilità che Pyongyang si stesse preparando a nuovi test missilistici.

La Marina sudcoreana ha condotto nuove esercitazioni navali nel mare del Giappone, che l'agenzia di stampa Yonhap ha definito "massicce" e che hanno lo scopo di mostrare "la determinazione" del Paese "a rispondere alle provocazioni nordcoreane". Alle manovre, fa sapere la Marina, partecipano una fregata, un pattugliatore, imbarcazioni dotati di missili di precisioni e barchini ad alta velocità. A partire dal 6 settembre e per quattro giorni si terranno altre esercitazioni nelle acque meridionali della Corea del Sud.

PUTIN - Nuove sanzioni contro la Corea del Nord sarebbero "inutili e inefficaci" ha detto il presidente russo Vladimir Putin, all'indomani della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, durante la quale gli Stati Uniti hanno fatto sapere che lunedì prossimo metteranno ai voti una risoluzione per nuove misure restrittive. Per Putin "intensificare, in queste condizioni, l'isteria militare è insensato, porta a un vicolo cieco", si rischierebbe "una catastrofe globale, planetaria e un'enorme perdita di vite umane". Il presidente russo ha espresso "la condanna della Russia" per i test condotti da Pyongyang.

ABE - La crisi sarà al centro di un incontro che avranno Putin e il premier giapponese Shinzo Abe. Lo ha annunciato il governo di Tokyo, precisando che Abe e Putin si parleranno a margine del Forum economico di Vladivostok, al quale è previsto che ci siano anche rappresentanti della Corea del Nord. Il Giappone sollecita da giorni un impegno maggiore di Russia e Cina per fare pressione sul 'regno eremita'. In un intervento in Parlamento, il ministro degli Esteri giapponese Taro Kono ha detto che il suo Paese "lavora in stretto coordinamento con Stati Uniti e Corea del Sud, per esortare Russia e Cina a giocare un ruolo appropriato" nella crisi.

MERKEL - "Flagrante violazione" delle norme internazionali. Così Angela Merkel ha definito il test realizzato dalla Corea del Nord, intervenendo all'ultima sessione plenaria del parlamento di Berlino prima del voto federale del 24 settembre. Merkel ha auspicato un ruolo attivo dell'Ue nella soluzione della crisi. "L'Europa ha una voce importante nel mondo e deve usarla in questa situazione", ha dichiarato la cancelliera ribadendo che l'unica soluzione può arrivare attraverso gli sforzi diplomatici, ma che comunque dopo l'ultimo test sono necessarie sanzioni più dure contro Pyongyang.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI