Home . Fatti . Esteri . Brexit, "liberi di imporre visti"

Brexit, "liberi di imporre visti"

ESTERI
Brexit, liberi di imporre visti

(AFP PHOTO)

Dopo la Brexit, il Regno Unito sarà "libero" di imporre l'obbligo del visto ai cittadini di alcuni Paesi dell'Ue, come i polacchi. Lo ha confermato il capo negoziatore della Gran Bretagna David Davis, in conferenza stampa a Bruxelles. "Sì - ha risposto ad una domanda specifica sui polacchi - non saremo più membri dell'Ue, dunque saremo liberi di attuare la politica migratoria che riteniamo più adeguata. Ciò non vuol dire che le persone che vengono dai Paesi dell'Ue non saranno i benvenuti a lavorare e vivere in Gran Bretagna ma, certo, avremo la libertà" di richiedere visti ai cittadini dei Paesi Ue.

DIRITTI - Il capo negoziatore dell'Ue Michel Barnier ha aggiunto che le delegazioni discutono "di tutte le questioni che destano inquietudine. Sui diritti dei cittadini, vogliamo assicurarli sulla base della discriminazione e della continuità di questi diritti, ma fino al giorno della Brexit. Parliamo dei diritti acquisiti dei cittadini, ma fino al momento della Brexit. Perché, dopo la Brexit, la Gran Bretagna diventerà un Paese terzo, in tutti i campi".

IMMIGRAZIONE - "Dunque nella discussione sulla nostra relazione futura, che spero sarà forte, potremo discutere di materie come l'immigrazione e la condizione dei cittadini. Ma questo riguarda le nostre relazioni con un Paese terzo", conclude Barnier. 

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI