La Catalogna sfida la Corte costituzionale

La Corte Costituzionale spagnola ha sospeso la plenaria del parlamento catalano fissata per lunedì prossimo. Lo riferiscono i media spagnoli. La Corte ha accolto un ricorso del partito socialista catalano (Psc), secondo il quale se lunedì il 'Parlament' proclamerà l'indipendenza vi sarà una violazione della Costituzione con un "annientamento" dei diritti dei deputati.

MANIFESTAZIONE - L'Assemblea nazionale Catalana (Anc), una delle principali associazioni della società civile per l'indipendenza catalana, ha quindi convocato una manifestazione proprio per lunedì a sostegno della secessione. In una nota, riferiscono i media spagnoli, l'Anc esorta a "manifestazioni massicce" e a "scendere in strada per difendere i nostri diritti e le nostre libertà".

NUOVA CONVOCAZIONE - Ma i partiti indipendentisti catalani vanno avanti e non si fermano davanti alla sospensione della Corte. La formazione indipendentista di sinistra 'Catalunya Si ques es Pot' (Qspc) ha chiesto infatti una convocazione d'urgenza domani dell'ufficio di presidenza del 'Parlament' per esaminare una nuova riunione dell'Assemblea, sempre per lunedì.

RAJOY - Intanto il premier spagnolo Mariano Rajoy ha chiesto al presidente della Generalitat catalana, Carles Puigdemont, di rinunciare "nel più breve tempo possibile" al progetto di proclamare unilateralmente l'indipendenza della Catalogna, perché questa è "la soluzione migliore" che consente di "evitare mali peggiori".