Home . Fatti . Esteri . "Trasferiteci alla Guardia Civil", la rivolta dei poliziotti catalani

"Trasferiteci alla Guardia Civil", la rivolta dei poliziotti catalani

ESTERI
Trasferiteci alla Guardia Civil, la rivolta dei poliziotti catalani

(AFP)

"Abbiamo ricevuto tanti messaggi di Mossos d'Esquadra che si vergognano dell'atteggiamento dei loro superiori. Molti di essi non vogliono continuare a far parte di quel corpo di polizia". Sono le parole - riportate da El Confidencial - di Juan Fernandez, portavoce dell'AUGC (Asociación Unificada de Guardias Civiles), secondo cui un gruppo consistente di Mossos starebbe chiedendo il trasferimento alla Guardia Civil o alla Polizia Nazionale. Tra gli agenti del corpo di polizia catalano, starebbe infatti prendendo corpo un sentimento di forte indignazione per il comportamento tenuto da alcuni dei loro colleghi nei giorni prima del referendum sull' indipendenza e, in particolare, per la passività e l'inerzia mostrate il 1° ottobre.

Nelle ultime ore l'AUGC sarebbe venuta a conoscenza delle "confessioni" di numerosi Mossos (si parla di un terzo di essi) che non condividono le idee degli indipendentisti e non si riconoscono nei principi che ispirano anche molti dei loro colleghi. A fronte di tutto ciò, ieri l'AUGC avrebbe chiesto ufficialmente al ministro dell'Interno Juan Ignacio Zoido di garantire una "via di fuga" a tutti quei Mossos che desiderano passare alla Guardia Civil o alla Polizia Nazionale. "Esattamente come molti agenti della Gurdia Civil o della Polizia Nazionale sono stati integrati nei Mossos d'Esquadra quando questo corpo è stato costituito - ha detto Juan Fernandez - ora pensiamo sia logico intraprendere la strada opposta".

"Bisognerà trovare il modo per far integrare ed adattare questi agenti". I Mossos che desiderano abbandonare il corpo di polizia catalano, avrebbero la garanzia di entrare a far parte di uno degli altri due corpi e, sulla base di un concorso per merito, di competere con i loro nuovi compagni per le diverse posizioni libere. "Queste truppe si adatterebbero rapidamente perché la Polizia e la Guardia Civil hanno la necessità di ampliare le loro dotazioni in Catalogna. - sostiene Fernandez - Dopo il comportamento tenuto dai Mossos il 1° ottobre, lo Stato ha bisogno di agenti dei quali si possa fidare". Per i Mossos, l'unico problema di questo trasferimento, che rappresenterebbe uno schiaffo a Puigdemont, sarebbe quello di passare da uno stipendio che arriva anche a superare i 2.000 euro, ad uno che a malapena supera i 1.500. "Coloro che entreranno nella Guardia Civil devono essere a conoscenza del fatto che le condizioni di lavoro sono pessime".

Da parte dei Mossos, l'ipotesi del trasferimento viene presa "con ironia". "L'agente che ha chiesto di passare alla Guardia Civil, lo ha fatto perché ha 56 o 57 anni e vede questo passaggio come un piano eccellente per il pensionamento - spiega a El Confidencial Josep Miquel Milagros , vice presidente della Unione della polizia autonoma catalana (USPAC) - Così facendo, potrebbe contare sul denaro accumulato durante il servizio nei Mossos ed evitare di andare in pensione a 65 anni". Millagros assicura che oltre l'80% degli agenti catalani appoggia pienamente la linea tenuta durante il referendum. "Questo non vuol dire che stiamo con Trapero, noi stiamo con i Mossos d'Esquadra".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI