Brexit, ecco perché il 29 marzo alle 23

Una data e un'ora specifica per dire addio all'Unione Europea. La premier britannica Theresa May ha annunciato che l'uscita del Regno Unito dall'Ue avverrà ufficialmente alle 23 (ora di Greenwich) del 29 marzo 2019, a due anni esatti di distanza dall'avvio delle pratiche per la Brexit. Il 29 marzo 2017 infatti il Regno Unito, tramite una lettera a firma della premier May indirizzata al Consiglio europeo, chiese per la prima volta nella storia dell'Ue l'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona. May lo definì "un momento storico senza un ritorno indietro possibile", decretando così l'inizio di una lunga e complessa procedura di divorzio dall'Unione Europea. La decisione di indicare l'ora specifica della Brexit invece, ha spiegato oggi la premier, serve a ribadire la determinazione del governo. "Che nessuno dubiti della nostra determinazione o metta in dubbio la nostra convinzione", ha scritto May sul Telegraph, "la Brexit ci sarà". Il governo, ha sottolineato, "non tollererà" alcun tentativo di bloccare l'uscita della Gran Bretagna dalla Ue, come indicato dalla volontà popolare scaturita dal referendum del 2016.