L'uragano Friederike flagella l'Europa: almeno 9 morti

E' salito a 9 morti il bilancio della violenta tempesta che sta spazzando l'Europa centrale - tra Belgio, Olanda, Gran Bretagna e Germania - con venti di oltre 200 chilometri orari, portando alla sospensione del traffico ferroviario e alla cancellazione di decine di voli.

Il bilancio più grave è in Germania dove vi sono sei vittime: due pompieri impegnati nei soccorsi, due persone travolte da alberi caduti e due automobilisti che hanno perso il controllo del loro veicolo.

Altre due persone sono morte in Olanda, schiacciate da alberi caduti. Oltre 260 i voli cancellati all'aeroporto Schipol di Amsterdam, rimasto chiuso per due ore.

In Belgio - dove è stata sospesa la circolazione dei treni ad alta velocità Thalys in partenza per Germania e Olanda - una donna è morta nei pressi di Bruxelles, dopo che un albero è finito sulla sua auto. Nella capitale la circolazione dei tram è stata sospesa per ore, mentre a Gand è stato chiuso il porto.

In Norvegia sono stati bloccati i collegamenti in elicottero con le piattaforme petrolifere, mentre nel centro del Paese le autorità hanno dovuto portare in salvo 38 persone a causa dei rischi di allagamento dopo la caduta di una valanga in un fiume.

Forti disagi anche in Gran Bretagna: nel sudest dell'Inghilterra migliaia di case sono rimaste senza luce mentre a ovest di Londra, nel Berkshire, i forti venti hanno fatto crollare le recinzioni del Wolf Conservation Trust e un lupo è scappato, come riferisce la Bbc. Scuole chiuse in alcune zone dell'Irlanda del Nord e 35 centimetri di neve in alcune aree della Scozia.