Home . Fatti . Esteri . "Italiani scomparsi venduti a banda criminale"

"Italiani scomparsi venduti a banda criminale"

ESTERI
Italiani scomparsi venduti a banda criminale

Svolta nelle indagini per la scomparsa di Vincenzo Cimmino, Raffaele e Antonio Russo scomparsi il 31 gennaio scorso nello Stato di Jalisco, nel Messico occidentale. Quattro poliziotti - tre uomini e una donna - sono stati arrestati con l'accusa di aver "venduto gli italiani a una banda di criminali".

JALISCO - Gli agenti, che fanno parte del comando di Tecalitlán, secondo il procuratore generale Raúl Sánchez "hanno partecipato attivamente al coordinamento e all'organizzazione" con la banda in questione: in quella zona opera il 'Cártel Jalisco Nueva Generación', una delle organizzazioni criminali più potenti del Messico.

La Farnesina ha intanto confermato l'arresto dei quattro poliziotti messicani. La conferma, riferiscono fonti del ministero degli Esteri, è arrivata dalle autorità locali con cui l'ambasciata d'Italia a Città del Messico resta in stretto contatto, seguendo il caso con la massima attenzione.

LA FAMIGLIA - Giorni fa, i media locali avevano denunciato l'arresto di altri tre poliziotti di Tecalitlán per la scomparsa di Raffaele, Antonio e Vincenzo, che hanno rispettivamente 60, 25 e 29 anni. Anche se la famiglia dei tre aveva affermato che si trovavano in Messico come turisti, le autorità di Jalisco hanno riferito che erano dediti alla vendita di prodotti contraffatti e Raffaele era stato in carcere 3 anni fa nello Stato messicano di Campeche.

Il procuratore Sanchez ha detto che i poliziotti arrestati sono accusati del reato di sparizione forzata e che le ricerche dei tre italiani continuano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.