Russia espelle due diplomatici italiani

La Russia ha espulso diplomatici di 23 Paesi, tra cui l'Italia, rispondendo agli analoghi provvedimenti adottati all'inizio della settimana in solidarietà con la Gran Bretagna per il 'caso Skripal'.

Il ministero degli Esteri russo ha diffuso l'elenco dei Paesi: Albania, Australia, Canada, Repubblica Ceca, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Macedonia, Moldova, Norvegia, Olanda, Polonia, Romania, Spagna, Svezia e Ucraina. La Russia, inoltre, sta valutando misure nei confronti di Belgio, Georgia, Ungheria e Montenegro.

All'ambasciatore britannico a Mosca è stata comunicata la richiesta di Mosca per una riduzione dello staff diplomatico in Russia allo stesso livello di quello di Mosca in Gran Bretagna.

Ieri la Russia aveva notificato la sua decisione di espellere 60 diplomatici americani e di chiudere il consolato a San Pietroburgo. La Farnesina ha confermato che all'incaricato d'affari all'ambasciata italiana a Mosca è stata notificata la decisione di espellere due funzionari dell'ambasciata italiana che dovranno lasciare il Paese entro una settimana.

Il presidente russo Vladimir Putin ha riunito il suo Consiglio di sicurezza nazionale per discutere delle contromisure adottate da Mosca.