Home . Fatti . Esteri . Bruciata viva dall'ex, testimonierà dalla tomba

Bruciata viva dall'ex, testimonierà dalla tomba

ESTERI
Bruciata viva dall'ex, testimonierà dalla tomba

(Youtube /NBC4 WCMH-TV Columbus)

Due anni di calvario, poi la morte. Judy Malinowski se ne è andata nel giugno scorso, vittima nel 2015 di un crimine atroce: cosparsa di benzina e bruciata viva dall'ex fidanzato nei pressi di una stazione di servizio di Gahanna, un sobborgo della città di Columbus in Ohio. Viva per miracolo, devastata dalle fiamme, Judy ha combattuto fino al 2017 in un letto di ospedale, fra decine di interventi chirurgici e sofferenze. Ora, spiega il New York Post, nonostante non ce l'abbia fatta, la 33enne madre di due bambine sarà in ogni caso testimone nel processo per il suo stesso omicidio.

Davanti al giudice che presiederà il processo contro Michael Slager, ex della vittima, sarà infatti proiettata la video testimonianza di Judy girata cinque mesi prima della sua morte. Si tratta di un caso senza precedenti nella giustizia americana, ma a nulla sono valsi i tentativi della difesa per scongiurare l'ammissione della registrazione. Slager è già stato condannato a 11 anni di carcere nel 2016 per aggressione criminale e incendio doloso aggravato. Dopo la morte di Judy, il Grand Jury lo ha incriminato per omicidio aggravato e, se condannato, rischia la pena di morte.

Il caso di Judy Malinowski ha intanto lasciato il segno nella legislazione dell'Ohio. Dopo la sua feroce aggressione, infatti, lo Stato ha modificato la legge aggiungendo sei anni in più alla pena per chiunque commetta un crimine che lasci la vittima mutilata o sfigurata in modo permanente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.