Home . Fatti . Esteri . Nucleare, tensione Iran-Usa

Nucleare, tensione Iran-Usa

ESTERI
Nucleare, tensione Iran-Usa

Il presidente iraniano Hassan Rouhani (FOTOGRAMMA)

"Uno storico pentimento" attende gli Stati Uniti se Washington deciderà di uscire dall'accordo nucleare firmato nel 2015 dall'Iran e dalle potenze occidentali. E' quanto ha detto il presidente iraniano Hassan Rouhani, come riferisce 'Al Jazeera', in un discorso trasmesso dalla tv di Stato. Teheran, ha affermato Rouhani, è in grado di far fronte a qualsiasi decisione adottata dal presidente americano, Donald Trump.

Il numero 1 della Casa Bianca dovrebbe comunicare entro il 12 maggio la propria decisione in relazione all'accordo, ripetutamente bocciato nelle dichiarazioni rilasciate nelle ultime settimane. "Le direttive necessarie sono state impartite alle organizzazioni coinvolte e all'Organizzazione iraniana per l'energia atomica" ha detto Rouhani. "Se l'America lascia l'accordo nucleare, tutto questo comporterà un pentimento storico" per Washington.

L'ACCORDO - "Trump respingerà l'accordo o, se non lo fa, continuerà a sabotarlo". Per questo, ha aggiunto Rouhani, per l'Iran è più importante il fatto che "i Paesi europei prendano le distanze da questa linea". L'intesa siglata nel 2015 coinvolge, oltre a Iran e Stati Uniti, anche Russia, Cina, Regno Unito, Francia e Germania. L'accordo prevede controlli rigorosi sul programma nucleare di Teheran, con l'obiettivo di impedire la produzione di armi atomiche nel Paese che avrebbe, in cambio, ottenuto la rimozione di sanzioni economiche.

L'Iran mira all'implementazione totale della sezione economica dell'intesa, che non è stata applicata in maniera integrale nemmeno prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca. Per questo, nell'ottica di Teheran, la decisione che Washington si appresta ad annunciare nei prossimi giorni non avrebbe comunque un impatto decisivo. Dopo la firma del 2015, l'Iran ha varato una serie di accordi e progetti commerciali con partner dell'Unione europea. Ed è per questo, come ha affermato Rouhani, che sarebbe fondamentale una linea Ue autonoma rispetto all'orientamento degli Stati Uniti.

TRUMP - Intanto Trump ha sottolineato il proprio impegno a garantire che l'Iran non entri mai in possesso di armi nucleari in una conversazione telefonica con il premier britannico Theresa May.

Al centro del colloquio, oltre alla visita che il presidente americano effettuerà a Londra il 13 luglio, anche i rapporti commerciali - con riferimenti in particolare alla Cina - e la situazione della Corea del Nord, in vista del summit che Trump dovrebbe tenere con Kim Jong-un tra la fine di maggio e l'inizio di giugno.

JOHNSON - Per quanto riguarda l'Iran, il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, volerà a Washington per provare a convincere gli Stati Uniti sull'opportunità di non uscire dall'accordo nucleare. Lo riferisce il quotidiano 'The Guardian', precisando che la missione di Johnson durerà due giorni.

Il Foreign Secretary, si legge, dovrebbe incontrare diversi membri dell'amministrazione Trump, a partire dal vice presidente Mike Pence e dal consigliere alla sicurezza nazionale John Bolton. In calendario, anche summit con esponenti del Congresso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.