Home . Fatti . Esteri . Cambridge Analytica in bancarotta negli Usa

Cambridge Analytica in bancarotta negli Usa

ESTERI
Cambridge Analytica in bancarotta negli Usa

(Foto Afp)

La società britannica Cambridge Analytica, al centro dello scandalo dei dati violati degli utenti Facebook, ha dichiarato bancarotta negli Stati Uniti, presentando domanda presso un tribunale di New York. Secondo un fonte informata, la società di analisi dei dati, che aveva raccolto dati personali dagli utenti del social network per utilizzarli nella campagna elettorale Usa, ha depositato la sua richiesta mercoledì.

All'inizio del mese, aveva avviato procedure di insolvenza in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e aveva cessato "immediatamente tutte le sue operazioni", ritenendosi "oggetto di numerose accuse infondate" e negando di aver commesso alcun illecito.

Presentando istanza di fallimento volontaria, il cosiddetto Chapter 7, che sfocia nella liquidazione totale dei beni dell'impresa, la società ha elencato un patrimonio che va da 100mila a 500mila dollari, e debiti compresi tra uno e 10 milioni di dollari, con non più di 49 creditori. All'inizio del mese l'azienda contava 107 dipendenti a tempo pieno e uffici a New York, Washington e Londra.

La società è nella bufera da quando è stato riportato che aveva sottratto in modo improprio i profili personali di 50 utenti di Facebook americani e almeno un milione di profili di cittadini britannici. Lo scorso marzo era stato sospeso il Ceo di Cambridge Analytica, Alexander Nix, dopo che Channel 4 aveva mandato in onda una registrazione segreta in cui si vantava di aver fatto vincere le elezioni a Donald Trump.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.