Home . Fatti . Esteri . Liegi, grida 'Allah Akbar' e uccide 3 persone

Liegi, grida 'Allah Akbar' e uccide 3 persone

ESTERI
Liegi, grida 'Allah Akbar' e uccide 3 persone

Foto di repertorio (Afp)

Tre persone sono state uccise durante una sparatoria sul Boulevard d'Avroya Liegi, in Belgio. Si tratta di due poliziotte e un passante. Anche il killer è stato ucciso dalle forze dell'ordine.

L'uomo era stato fermato per un controllo di routine davanti al liceo Léonie de Waha quando ha aperto il fuoco. Testimoni riferiscono che urlava 'Allah Akbar' durante il suo attacco.

"Voleva colpire la polizia, ovvero le istituzioni, lo Stato belga" ha affermato il capo della polizia locale, Christian Beaupere, in conferenza stampa. L'uomo si è fatto scudo con i corpi delle due poliziotte che aveva pugnalato, uccidendole, e ha aperto il fuoco contro gli agenti intervenuti sul posto, usando le pistole sottratte alle sue vittime. Quattro poliziotti sono rimasti feriti, uno dei quali, raggiunto all'arteria femorale, è in pericolo di vita, ha reso noto Beaupere. La terza vittima è uno studente di pedagogia 22enne, raggiunto dai colpi d'arma da fuoco nella sua automobile.

La procura belga indaga per terrorismo. "Ci sono elementi che lasciano pensare che si tratti di un atto terroristico", ha dichiarato alla Dpa l'ufficio del procuratore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.