Uccide la figlioletta cibandola di sale

Ha ucciso la figlia di soli 17 mesi come estremo tentativo di riavvicinare l'ex marito. E, per farlo, ha nutrito la piccola con una quantità di sale tale da ucciderla in modo atroce. Per questo Kimberly Martines è stata condannata mercoledì scorso a 30 anni di carcere. I fatti, spiega il Daily News, risalgono alla fine di luglio del 2016, quando la piccola Peyton è stata trasportata d'urgenza allo Spartanburg Regional Medical Center, in South Carolina, per convulsioni e febbre alta. Ipernatriemia la diagnosi: un'elevata concentrazione di sale nel sangue della bimba che le ha causato il restringimento dei vasi sanguigni, l'accumulo di liquidi nei polmoni, danni ai reni e, infine, la morte cerebrale. Peyton, dopo il ricovero, ha poi vissuto altri 5 giorni attaccata ai macchinari salvavita. Il decesso della bimba, spiega ancora il Mail Online, risale al 2 agosto 2016, quando alla piccola era stato staccato il supporto vitale.
Secondo Fox News, la donna avrebbe inizialmente mentito alle autorità che hanno da subito indagato sul caso, sostenendo che Peyton e la sorellina gemella si fossero infilate da sole in un sacco di sale lasciato incustodito. A inchiodare la mamma, però, la testimonianza di un'altra figlia della donna, di soli 4 anni: la bimba avrebbe visto la madre costringere la sorella minore a ingerire sale, oltre ad aver descritto il sacco di sale nascosto sotto un cuscino del divano.
A quel punto è arrivata la confessione dell'omicidio avvenuto, ha spiegato la donna, per "riavvicinare il marito dopo la separazione". La donna, sostiene ancora Fox News, avrebbe scelto la piccola semplicemente perché meno distante e più alla portata rispetto agli altri figli.
Mercoledì scorso, a due anni dai fatti, Kimberly Martines è stata infine condannata a 30 anni di carcere. Prima di poter chiedere la libertà vigilata dovrà scontare almeno l'85% della pena. Intanto, le sorelline di Peyton sono state prese in custodia sotto protezione dal Dipartimento dei Servizi Sociali del South Carolina.