Avvelena il marito con il collirio

Avrebbe versato una goccia di collirio nell'acqua del marito per diversi giorni fino ad avvelenarlo. Così Lana Clayton, 52 anni, di Clover in Sud Carolina, avrebbe ucciso il consorte, Stephen Clayton, 64 anni, trovato morto nella loro casa il 21 luglio scorso. La donna, riferisce 'Abc News', avrebbe confessato il delitto dopo che l'autopsia ha rilevato elevati livelli di tetraidrozolina nel corpo della vittima. Si tratta di una sostanza, usata soprattutto in colliri e spray nasali per alleviare irritazioni e arrossamento degli occhi, che se ingerita può provocare gravi effetti collaterali tra cui crisi respiratorie e tachicardia.

"Non è chiaro il motivo per cui Lana abbia commesso tale crimine", ha commentato Trent Faris, portavoce dello sceriffo della contea di York - Stiamo ancora lavorando per capire quale movente potrebbe aver avuto". Intanto in una nota la famiglia dell'uomo si è detta "scioccata e mortificata per la causa della morte di Stephen, tutti i nostri familiari e amici sanno quanto ha amato sua moglie Lana e quanto le sia stato devoto. Stiamo ancora tentando di elaborare il lutto". Ora Lana Clayton è detenuta presso il centro di detenzione della contea di York con l'accusa di omicidio.