Home . Fatti . . . TEDxVicenza 2015, sabato 27 giugno dalle 11 alle 18.30 al Teatro Olimpico
Fonte: comune vicenza

TEDxVicenza 2015, sabato 27 giugno dalle 11 alle 18.30 al Teatro Olimpico

TEDxVicenza si terrà sabato 27 giugno dalle 11 alle 18.30 al Teatro Olimpico. E' un evento organizzato da TED in collaborazione con il Comune di Vicenza, con il patrocinio di Regione Veneto e di Expo 2015 Tecnologia, architettura, alimentazione, medicina, questioni ambientali e sociali, senza tralasciare storia, cultura e territorio: saranno queste le tematiche che verranno affrontate in una giornata unica nel suo genere. E saranno proprio i racconti appassionanti degli speaker a coinvolgere un pubblico che va ben oltre gli spettatori presenti all’Olimpico il 27 giugno. TEDxVicenza diventa pertanto evento catalizzatore di esperienze individuali, nonché piattaforma collettiva per un dibattito su possibili nuovi scenari, che trovano le loro radici a Vicenza per poi diramarsi e arricchirsi di nuovi significati attraverso la rete globale di TEDx. Per raggiungere un pubblico ancora più ampio sarà allestita una diretta streaming dell’evento. “ Planting the seeds” è il tema scelto per la prima edizione di TEDxVicenza. Esperienze di vita, invenzioni e riflessioni saranno le protagoniste di questa giornata dedicata alla conoscenza. Una quindicina di speaker si susseguiranno sul palco del Teatro Olimpico, per condividere con il pubblico idee ed esperienze che, come accade per i semi ben coltivati, matureranno nella mente di ognuno, divenendo nutrimento per il proprio percorso di crescita, umana e professionale. Alla presentazione dell'evento erano presenti il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d'Elci, Benedetta Piva founder e curator di TEDxVicenza, Elena Dal Molin founder e curator di Atipografia e Giulio Zulietti partner coordinator di TEDxVicenza. "Piantare semi non è solo un titolo azzeccato: è un slogan che racchiude una missione, quella di costruire il futuro - ha spiegato il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d'Elci -. L’unica missione possibile per una società che deve tornare a pensare lo sviluppo, ma che deve anche ripensare i modelli di sviluppo, immaginando una crescita che privilegi i fattori qualitativi a quelli quantitativi, che ricollochi al centro dell’orizzonte l’uomo e l’umano, che riconosca valore fondante a parole-manifesto come creatività, innovazione, cultura, ricerca e cura della bellezza. Piantare semi è un’attività paziente, che implica tempo, che reclama una prospettiva e non l’immediato soddisfacimento di bisogni spesso illusori: e non c’era posto migliore, per ospitare il primo TEDx di Vicenza, del teatro Olimpico, che racconta - in pietra legno e stucco - la storia di uomini che edificavano non per l’oggi ma per il domani. Piantando i semi del futuro". “ Sembra una banalità - ha detto Benedetta Piva, founder di TEDxVicenza - ma quando partecipi ad un evento TEDx capisci davvero il potere delle idee. Primo, le idee ispirano le persone. Secondo, le idee guidano le persone a intraprendere azioni che mai avrebbero fatto prima. Terzo, dalle conversazioni che scaturiscono da un TEDx Talk nascono nuove idee ancora più diverse e innovative, in qualsiasi ambito.” TEDx organizzato con le media partnership di Il Giornale di Vicenza, Corriere del Veneto e Corriere Innovazione. Main sponsor è Banca Popolare di Vicenza. Tra i partners “pionieri”: Confartigianato Vicenza, Fondazione Maltauro, Holding F.I.S., Morato Pane e Tecnoservice. Il TED (acronimo per Technology, Entertainment, Design) è un’organizzazione noprofit che cura eventi con l’obiettivo di far incontrare le menti e le idee più stupefacenti e innovative del pensiero globale. La sua mission può essere riassunta nel motto “ideas worth spreading”: TED crede fermamente nel potere che le idee hanno di cambiare il comportamento e la vita delle persone e il modo in cui queste si relazionano l’una con l’altra. Ogni anno TED riunisce personalità di spicco che si alternano sul palco per condividere idee e progetti innovativi. I loro interventi sono poi messi a disposizione, gratuitamente, sul sito ted.com affinché i loro messaggi possano essere diffusi in tutto il mondo. Agli eventi TED sono intervenuti Bill Gates, il fondatore di Amazon Jeff Bezos, Bono Vox, i co-fondatori di Google Sergey Brin e Larry Page, Richard Branson, Al Gore, Stephen Hawking, Isabel Allende, Jane Goodall, Gordon Brown e centinaia di altri influenti intellettuali e opinion leader. TED conta sul sostegno di grandi esponenti del mondo economico, finanziario ed imprenditoriale globale. L’organizzazione concede, tramite licenza, la possibilità di realizzare versioni locali degli eventi TED, i TEDx (x=independently organized TED event), con l’obiettivo di trasmettere lo spirito e l’esperienza TED ad un pubblico sempre più vasto. Il “fenomeno TEDx” è ormai una realtà consolidata in tutto il mondo. Dal 2009, quando TED ha lanciato questo programma, sono stati organizzati più di 12.300 eventi in oltre 2.700 città di 168 paesi nel mondo. E i membri di questa community, i TEDxer, sono considerati dei veri e propri influencer nelle loro comunità locali, e non solo. “Un posto speciale nel mio cuore è riservato ad una delle community più dinamiche, intraprendenti e pazzerelle del mondo di cui io e il team di TEDxVicenza facciamo orgogliosamente parte: la community TEDx!”, confida Benedetta, che, insieme ai maggiori leader mondiali e un gruppo selezionato di TEDxer, ha partecipato lo scorso marzo alla conferenza internazionale TED2015. “E’ stato bello incontrare vecchi e nuovi amici, la community TEDx è proprio come una piccola grande famiglia globale senza confini politici, religiosi, culturali o di altro genere. Credo che quello che ci unisce tutti in modo così naturale sia proprio il fatto che crediamo fermamente in ciò che TEDx ci permette di fare nelle nostre comunità locali, e non solo. Gli organizzatori TEDx probabilmente non salveranno il mondo come gli eroi nei film di Hollywood. Si focalizzano, invece, su questioni che riguardano e che stanno a cuore alla loro rispettive comunità locali. La mission e il team di TEDxVicenza Idee che vale la pena diffondere. Questo è il motto del TED e questo è il motore che ci spinge a creare il nostro evento: pensiamo che un’idea non valga nulla se non viene condivisa. Per questo vogliamo raggiungere un pubblico più ampio di quello che avremo il piacere di ospitare il 27 Giugno all’Olimpico, coinvolgendo il territorio e i suoi principali protagonisti, pubblici e privati, con la speranza che, come accade per i semi ben coltivati, le idee possano maturare nella mente di ognuno, divenendo nutrimento per il proprio percorso di crescita, umana e professionale. Ma ovviamente ciò è soltanto il prodotto finale, il risultato del lavoro di persone che con entusiasmo e intraprendenza mettono in gioco tempo, competenze e passione. Il 27 Giugno, quando TEDxVicenza andrà in scena sul palco del Teatro Olimpico, verrà raccolto il frutto della fatica e della sinergia di molte persone, il team organizzatore che da mesi sta lavorando per offrire alla comunità vicentina il miglior evento possibile. Il team di TEDxVicenza è composto da un gruppo di professionisti di vari settori, giovani appassionati e creativi che, con spirito di iniziativa e in modo completamente gratuito, stanno portando un evento di portata internazionale nella loro città. Abbiamo deciso di raccontare chi c’è dietro a questo progetto con lo scopo di avvicinare il pubblico alla nostra realtà, facendolo entrare nel dietro le quinte di TEDxVicenza. Sul nostro blog, dalle pagine del sito www.tedxvicenza.com, stiamo raccontando chi siamo, come ci siamo organizzati, quale spirito ci muove, i risultati raggiunti e gli obiettivi che stiamo cercando di raggiungere. Benedetta Piva è la founder e la curator di TEDxVicenza, il motore primo del progetto, colei che ha ottenuto la licenza TEDx e che cura e coordina con entusiasmo il team e l’evento in tutte le sue sfaccettature. Alle sue direttive e a quelle del direttore artistico Andrea Manticò, risponde una squadra di persone che lavora insieme ormai da mesi. Paola Maugeri è una giornalista e conduttrice televisiva italiana. Nel 1993 per MTV Italia realizza monografie ed interviste e conduce per due anni “Segnali di Fumo”. Nell’ottobre 1995 conduce la versione televisiva (su Rai Uno) di “105 Night Express” e le successive quattro stagioni su Italia 1. Nel 1996 conduce “Jammin’” su Italia 1. Ha al suo attivo anche due edizioni del Concerto del Primo Maggio a Roma e del premio della musica d’autore “Città di Recanati”. Nel 2001 passa ad MTV con programmi cult come “Select”, “A night with”, “Storytellers” e “Brand:new”. Dal 2006 per tre stagioni ha condotto su La7 il programma dedicato al cinema indipendente italiano “La 25a ora - Il cinema espanso”. Soprannominata Wikipaola, è la protagonista, su Virgin radio, di “Music history”, programma dove racconta la storia del rock e la genesi dei brani più significativi. Dal dicembre 2007 ha condotto per due stagioni Scalo 76 su Rai 2, programma dove si occupava di musica e cinema. E’ anche autrice con Mondadori di 2 libri di successo su alimentazione ed ecologia: “La mia vita a impatto zero” (2012) e “Las Vegans” (2014). Speaker Internazionali Jocelyn Dunn, Chief Scientist per HI-SEAS mission III Ingegnere biomedico, è attualmente Chief Scientist nella missione HI-SEAS sponsorizzata dalla NASA che ha l’obiettivo di studiare le conseguenze fisiche e psichiche di una possibile vita dell’uomo su Marte. La sua missione, che sta avendo luogo sulle pendici del vulcano Mauna Loa in un’isola delle Hawaii, ha due obiettivi principali: indagare gli impatti dello stress sulla salute e sulle performance degli astronauti e sviluppare metodi per combatterlo grazie all’utilizzo delle più avanzate wearable technology. Jocelyn ci racconterà di queste ricerche e di come le scoperte che ne conseguiranno saranno utili non solo a migliorare una possibile vita dell’uomo su Marte ma anche quella di noi tutti sulla Terra. Thomas Breideband, Internet Communication Researcher Thomas è un internet researcher e double PhD candidate alla Georgia State University, Atlanta/USA e alla Johannes Gutenberg-University, Mainz/Germany. Il suo ambito di ricerca include i New Media, il coinvolgimento dei cittadini, e la comunicazione politica. È un membro della Association of Internet Researchers, della National Communication Association, e della South Atlantic Modern Language Association. Il suo lavoro è già stato pubblicato su riviste internazionali come Technoculture. Dall’estate del 2014 è titolare di una Innovation Fellowship presso la Georgia State University. Nel suo speech Thomas ci parlerà di Twitter, del potere comunicativo di questo mezzo e del futuro della comunicazione nel mondo dei New Media. Steve Haley, impact driven leader Steve si è formato presso la United States Military Academy di West Point, diventando poi capitano per l’US Army della caserma Ederle a Vicenza. Dopo essere stato in Iraq, Steve ha conseguito la laurea in matematica pura all’Università di Padova. E poi ritornato in Iraq per lavorare con Mercy Corps, un’organizzazione umanitaria per la quale ha diretto i programmi per il Libano, lo Yemen, la Libia e l’Egitto, lavorando per alleviare le sofferenze inflitte dal conflitto e aiutare nella costruzione di nuove imprese volte a ridurre la disoccupazione. Nel suo intervento ci parlerà dell’importanza del rischio e di quanto l’esposizione al rischio abbia influenzato le sue scelte di vita. André Stern, direttore dell’ Arno Stern Institute Personaggio poliedrico, figlio dell’educatore e ricercatore Arno Stern, è cresciuto senza mai frequentare un giorno di scuola seguendo gli innovativi metodi di apprendimento creativo “homeschooling” teorizzati dal padre. E’ musicista, compositore, liutaio, relatore di conferenze, giornalista e autore. Direttore dell’istituto Arno Stern, laboratorio di osservazione e preservazione delle inclinazioni naturali del bambino, nel suo intervento parlerà di ecologia dell’infanzia e dell’importanza dell’entusiasmo e del gioco e di come coltivarli in tutte le fasi della vita. Livio Valenti, Co-founder, Vaxess Technologies Laureato all’Università Bocconi; un Master in Public Policy alla Harvard Kennedy School of Government, ha lavorato come ricercatore nel centro per gli studi sulla sostenibilità e al centro di ricerca per la salute pubblica di Harvard. E’ stato economista presso le Nazioni Unite nel sud Est Asiatico, dove ha curato tra l’altro un progetto di sviluppo rurale per stimolare la sericoltura in Cambogia. Nominato da Forbes Magazine nel 2014 uno dei trenta under 30 nella categoria science and healthcare, è co-fondatore della Start-up “Vaxess Technologies” e nel suo speech ci illustrerà come quest’ultima stia lavorando per risolvere uno dei maggiori ostacoli all’equa distribuzione dei vaccini nel mondo, ossia la loro conservazione a basse temperature. Speaker Vicentini Chiara Centofanti, maestra ortolana Chiara è un’imprenditrice agricola. Si è laureata in scienze e tecnologie agrarie all’Università di Padova; da quindici anni si occupa di educazione ambientale e orti scolastici e da cinque ha avviato il suo progetto imprenditoriale nell’azienda agricola della famiglia a Vicenza, nella campagna alle porte della città, sempre più minacciata dalla continua urbanizzazione. Con la nascita dei figli, convinta che sia importante l’impegno personale per il loro futuro (e per il nostro presente), ha ideato “100orti”, il suo progetto di coltivazione e condivisione di prodotti, sapori e saperi della biodiversità agraria. Oggi nella sua azienda, coltivano con tecniche biologiche circa mille diverse varietà, tra ortaggi, frutti, aromi e fiori, per lo più appartenenti a varietà inconsuete, che per genetica e tecnica di coltivazione hanno sapori, colori e profumi insuperabili. Nel suo intervento Chiara ci guiderà tra le sue esperienze a contatto con i tempi della natura e ci racconterà come si può diventare un tramite tra le terra e le persone. Guido Beltramini, storico dell’architettura e curatore Storico dell’architettura e curatore, i suoi interessi di ricerca riguardano principalmente il Rinascimento. Dal 2011 è il direttore del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio a Vicenza. E’ componente del consiglio del Canadian Centre for Architecture a Montreal e fa parte del comitato scientifico internazionale della rivista inglese Architectural History. Il prossimo autunno sarà visiting professor all’Università di Harvard. Ha curato mostre a Vicenza, alla Biennale di Venezia, alla Royal Academy of Art di Londra, al Morgan Library and Museum di New York, al National Building Museum di Washington, e al Canadian Centre for Architecture di Montreal. Nel suo intervento Guido ci condurrà attraverso una riflessione su come costruire con il nostro passato la piattaforma culturale per l’architettura di domani. Tommaso Corà, designer Team leader di numerosi progetti multidisciplinari di ricerca, design e architettura, il suo lavoro si concentra sulle interazioni sociali tra le persone e il loro contesto e sullo studio di applicazioni di nuovi materiali e tecnologie. Dal 2003 collabora con Aldo Cibic con il quale ha seguito progetti per istituzioni e università in Italia e all’estero. Ha tenuto lezioni e corsi presso la Parson School di New York, lo IUAV di Venezia, il Politecnico e la Domus Academy di Milano. Nel 2005 ha coordinato il Dipartimento di Design di Fabrica. Tommaso ci parlerà di social design attraverso un progetto di ricerca sulle unità abitative, “Freedom Room”, pensato e sviluppato con l’aiuto di un gruppo di detenuti del carcere di massima sicurezza di Spoleto. Christian Greco, direttore della Fondazione Museo delle Antichità egizie di Torino Vicentino di nascita, è un affermato egittologo. E’ stato docente del corso “Egyptian funerary archeology and archeology of Nubia and the Sudan” presso l’Università di Leiden e ivi responsabile della collezione egizia del Museo delle Antichità, una delle più importanti d’Europa. Vanta numerosi progetti espositivi e di curatela internazionali, pubblicazioni e collaborazioni con illustri musei, fra cui i Musei Vaticani e il Louvre. Membro della missione epigrafica americana a Luxor, è da alcuni anni co-direttore della missione archeologica olandese a Saqqara e membro del Comitato Tecnico-Scientifico per i Beni Archeologici del MIBAT. Forte di un’elevata competenza tecnico-scientifica e gestionale, è l’attuale Direttore della Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino e, nel suo intervento, illustrerà il progetto da lui realizzato per riportare il Museo egizio ad essere uno dei principali centri dell’egittologia in Europa, promotore di progetti e attrattiva per gli studiosi. Mick Odelli, digital innovation consultant Mick ha studiato Comunicazione Visiva all’Università del New England a Sydney (Australia) ed è proprio qui che l’idea di affascinare la gente utilizzando i Media Digitali è cominciata a crescere in lui. Tornato in Italia nel 2008, ha fondato la sua prima azienda, “DrawLight”, specializzata nello stupire le persone attraverso installazioni artistiche e tecnologiche. Nel 2015 ha dato vita a “Senso” e ha registrato due brevetti innovativi nell’ambito della tecnologia immersiva per i settori del retail e dell’ hospitality. Mick si definisce un Innovation Consultant che adora ogni tipo di tecnologia che abbia il potere di espandere gli aspetti emozionali e sensibili dell’essere umano. Nel suo intervento Mick ci sorprenderà nel raccontarci come i sensi siano la chiave delle nostre percezioni quotidiane e siano cruciali per la nostra memoria; in quest’ottica la tecnologia immersiva può essere uno strumento molto importante per stimolare e espandere le nostre esperienze di vita. Valter Tessaris, chitarrista e artista di strada Chitarrista torinese di origini croate, vicentino per amore, musicista di strada da 15 anni, in arte “Acoustic Spirit”. Suona la chitarra acustica con lo stile del fingerstyle sulle orme di riferimenti quali Michael Hedges e Alex De Grassi. Nella sua ricerca continua sullo strumento unisce creatività, virtuosismo, passione e divertimento. Ha collaborato in tournée con Natalino Balasso e aperto i concerti di Banda Osiris, Cheryl Porter e Teo Ciavarella Quartet, Daniele Grof, Alberto Bertoli. Nel 2014 è stato selezionato per essere tra i 5 artisti di strada ad esibirsi con i musicisti della Filarmonica della Scala per l’evento “Music streets”, presentato da Linus in piazza Gae Aulenti a Milano. Con la sua esibizione accompagnerà il pubblico laddove “La vera magia è l’emozione che nasce con la musica” Speaker Italiani Chiara Montanari, ingegnere e travel-addicted E’ ingegnere, esperta in Innovation Management e Team Building in ambienti estremi. E’ stata consulente sulle strategie di risparmio energetico nelle basi di ricerca Polari ed è stata la prima italiana a capo delle spedizioni italo-francesi in Antartide. Ha un master in management e ha lavorato come Operations Manager in UK nel settore Start-up e broadcasting digitale. E’ stata ricercatrice del Politecnico di Milano dove, attualmente, si occupa di sinergia università-impresa e collabora con il Centro di Ricerca sulla Complessità di Bergamo per una complessità applicata in ambito organizzativo. Nel 2014 la città di Milano le ha conferito l’Ambrogino d’oro per l’ impegno nell’innovazione e nella ricerca. Ha raccontato la storia della sua ultima spedizione in Antartide in “Cronache dai ghiacci: 90 giorni in Antartide”, recentemente pubblicato da Mondadori Electa. Chiara racconterà come l’incontro con il WHITE OUT, uno dei più pericolosi fenomeni atmosferici dell’Antartide, le abbia svelato un indizio sull’incantesimo del viaggio. Un intervento consigliato sia agli instancabili viaggiatori, sia agli irriducibili sedentari, e a tutti quelli che hanno voglia di vivere una pillola di Antartide. Anna Piratti, artista visiva Anna Piratti è un’artista visiva nata in provincia di Venezia. Consegue il diploma in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. La sua ricerca artistica spazia dall’esperienza pittorica, alle superfici digitali e alle installazioni, arricchendosi dal 2008 di progetti site specific che prevedono un coinvolgimento attivo del pubblico. Tra questi “Toys”, “Sottotitoli”, “Non vale la pena”, “Polline” e “DAP (Discorso Alla Pari)”. Nel 2013 Piratti prende parte al programma europeo Erasmus For Young Entrepreneurs per approfondire e consolidare le proprie competenze come consulente per progetti d’arte. Attualmente vive e lavora a Bruxelles. Piratti è convinta che il bello rafforzi il nostro sistema immunitario e nel suo intervento ce ne illustrerà le ragioni. Richard Romagnoli, master trainer e ambasciatore nel mondo di Laughter Per vent’anni Richard si è dedicato all’arte della magia occupandosi anche di clown-terapia. Ha vissuto per diversi anni in India imparando direttamente dal Dr. Kataria, il Fondatore dello Yoga della Risata, la metodologia che permette a chiunque di ridere incondizionatamente per ripristinate il proprio benessere fisico e mentale. Il Dr. Kataria lo ha scelto come Master Trainer nominandolo Ambasciatore nel mondo di Laughter Yoga. Autore del best-seller “Ho imparato a ridere” e dell’audio cd “L’albero della Vita” scrive regolarmente per L’Huffington Post. È l’ideatore della tecnica emozionale C.A.T.C.H. praticata da migliaia di persone nel mondo. Attraverso il suo intervento “esperienziale” Richard accompagnerà la platea ad imparare a far germogliare i semi della felicità. TEDx Artist in Residence TEDxVicenza, assieme ad altri cinque TEDx nel mondo, è stato selezionato per il programma sperimentale “Artist in residence”. Atipografia sarà partner di tale iniziativa presentando “Linea spezzata chiusa” di Mattia Bosco sul palco del Teatro Olimpico. Mattia Bosco, scultore Nato nel 1976 a Milano in una famiglia di pittori, Mattia Bosco arriva alla scultura in seguito a un corso di studi in Filosofia. Nella sua pratica scultorea parte da una considerazione della materia come già portatrice di forme e di possibilità. La forma diventa un’occasione per ripensare le potenzialità di un materiale, sia che si ponga in continuità o in contrasto rispetto ad esso. Allo stesso modo la scultura è occasione per ripensare il nostro rapporto con le cose e con la nostra corporeità stessa. Atipografia, spazio per l’arte contemporanea nella provincia di Vicenza, ha ospitato in residenza per cinque settimane Mattia Bosco e, con lui, gli alberi abbattuti dal Comune di Arzignano sono diventati sculture. Scalpello, martello e cuneo sono utilizzati per sfibrare la crescita concentrica del tronco fino al suo limite, il cuore della pianta è lavorato geometricamente diventando elemento architettonico. Sul palco del teatro Olimpico sarà installata una di queste sculture, per essere poi raccontata dall’artista milanese. Per maggiori informazioni sull’artista e Atipografia visitare il sito www.atipografia.it

Comunicato stampa

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI