Home . Fatti . . . "I nostri amici alberi": gli alunni della scuola primaria Campagnoni studiano le piante del giardino scolastico e dedicano loro un sito
Fonte: comune ravenna

"I nostri amici alberi": gli alunni della scuola primaria Campagnoni studiano le piante del giardino scolastico e dedicano loro un sito

Dall’Abete rosso al Tiglio ibrido, sono 34 le specie di alberi presenti nel giardino della scuola primaria Campagnoni di San Pietro in Campiano, per un totale di quasi cento esemplari. Gli alunni e le alunne delle classi quinte A e B le hanno studiate tutte, preparando per ciascuna una scheda descrittiva corredata da foto e disegni. Tutte le piante sono state poi mappate e riportate su una planimetria interattiva a cui si può accedere dal sito http://inostriamicialberi.altervista.org/blog/ . Oggi per alunni, insegnanti e genitori gli alberi e gli arbusti che vivono nel giardino della scuola non sono più semplici presenze del paesaggio, ma un ricco mondo vivente da conoscere e difendere. Il progetto, denominato “I nostri amici alberi – impariamo a chiamarli per nome”, è stato presentato dagli stessi alunni delle due quinte, in particolare per voce di Sara e Linda, questa mattina dai banchi del consiglio comunale. La relazione delle due ragazze è stata preceduta da quella di Raffaella De Mucci, l’insegnante che ha coordinato il progetto, con la collaborazione delle colleghe che seguono le due classi. “E’ un bellissimo progetto – ha commentato Guido Guerrieri, assessore all’Ambiente, intervenuto alla presentazione – un’altra delle gemme del calendario ‘Ambiente 2015’ promosso dal multicentro Ceas Agenda 21 del Comune. I ragazzi hanno svolto un lavoro straordinario e multidisciplinare, producendo un risultato davvero interessante. Il sito Internet, che testimonia tutte le conoscenze acquisite dagli alunni sull’ambiente che li circonda, merita senz’altro una visita. E’ estremamente importante offrire ai nostri giovani le giuste chiavi di lettura per approfondire la conoscenza dell’ambiente che ci circonda; cosa che questo progetto è riuscito a fare. Perché non dobbiamo dimenticare che il patrimonio naturale merita di essere conosciuto, approfondito e ammirato così come quello architettonico”. Il progetto, nato dalla sensibilità della scuola, è stato condotto in collaborazione con il multicentro Ceas Agenda 21 del Comune, l’Inffu (Istituto nazionale flora e fauna urbana) che ha messo in campo proprie competenze a livello locale sia dal punto di vista scientifico che tecnico (ditta Freedom Co. srl, cooperativa sociale La Pieve) e sostenuto da Hera Ambiente. Il sito Internet è stato curato e ideato da Freedom Co. per conto di Inffu; veicola in maniera divertente e coinvolgente i vari contenuti progettuali e scientifici acquisiti ed elaborati e garantisce un approccio smart e interattivo di grande attrattatività per i giovani studenti e di facile replicabilità in altre realtà. Grazie al supporto di un’organizzazione di Protezione Civile che ha messo a disposizione un drone, sono state eseguite riprese del giardino della scuola e il filmato è stato inserito nel sito, che vede anche simpatici strumenti di gioco educativo per stimolare l’apprendimento dei bambini. Il progetto continuerà nel prossimo anno scolastico con incontri di approfondimento sulle piante, sulla loro difesa e sulle tipologie di insetti che vivono su di esse o attorno ad esse, influendo in maniera negativa oppure, all’opposto, positiva sul loro sviluppo, nell’ottica di far apprezzare ai bambini la meravigliosa interconnessione dei vari fattori dell’habitat in cui vivono. Ciascun albero sarà poi dotato di un QR-code cosicché, tramite applicazioni per smartphone o tablet appositamente create, si potranno visualizzare le informazioni e le schede direttamente sul posto.

Comunicato stampa