Home . Fatti . Politica . Regionali, da Fi nuovo appello a Ncd-Lega: ''Solo uniti si vince''

Regionali, da Fi nuovo appello a Ncd-Lega: ''Solo uniti si vince''

POLITICA
Regionali, da Fi nuovo appello a Ncd-Lega: ''Solo uniti si vince''

''Solo uniti si vince''. Nuovo appello di Forza Italia a Ncd per ricostruire la coalizione di centrodestra alle regionali e gettare le basi per le prossime politiche. In una conferenza stampa in piazza San Lorenzo in Lucina al termine di una riunione del tavolo azzurro per la scelta dei candidati-governatore, Giovanni Toti, Altero Matteoli, Paolo Romani e Renato Brunetta tendono la mano ad Angelino Alfano e avvertono la Lega, che continua a porre veti su eventuali intese con l'ex delfino del Cav, come sta accadendo in Emilia-Romagna.

Bisogna provare a marciare compatti, come una volta, altrimenti si rischia la ''balcanizzazione del centrodestra'', tutto a vantaggio del Pd renziano e dei grillini, dicono in coro. Brunetta conia addirittura uno slogan per l'occasione: ''Uniti si vince, ma uniti si vince e si cambia anche al meglio il Paese''. ''Nel centrodestra ci sono molte più cose in comune che differenze'', assicura Altero Matteoli, che aggiunge: ''Lo so che nulla è facile. E' complicato ritrovarsi con noi per una forza di governo, che ora sta con la sinistra, ma affrontiamo le trattative con la 'vecchia' coalizione, con uno spirito di collaborazione e con la volontà di ricostruire il centrodestra''.

Toti non ha dubbi: ''Le elezioni regionali sono un fine per fare diverse cose, ma anche un mezzo per ricostruire un percorso che non si esaurisce con questa esperienza, sono la premessa per ricostruire l'alleanza di centrodestra''. L'europarlamentare poi punzecchia il Carroccio: ''In Lombardia e Veneto i leghisti sono già alleati con Nuovo Centrodestra, non mi sembra che noi stiamo proponendo una geometria nuova''.

C'è una convergenza con Ncd fa notare Brunetta, ''altresì sul tema delle tasse, della pressione fiscale. Parlo, per esempio, del tema con la Lega della flat tax, abbiamo addirittura insieme alla Lega firmato dei referendum abrogativi sulle tematiche fiscali. Quindi la mia constatazione è che gli elementi di coesione e di coagulo dal punto di vista politico-programmatico-contenutistico sono molto, molto forti nel centrodestra. E direi di più: le differenze che ci sono nel centrodestra sono molto inferiori alle differenze che in questo momento esistono tra le varie anime del Pd''. Per questo, assicura Brunetta, ''il lavoro che assieme al presidente Matteoli ci accingiamo a fare, poggia su solidissime basi politico-programmatiche che possono anche essere di collante riguardo alle specificità territoriali che altrimenti rischiano di produrre una sorta di disgregazione, o di balcanizzazione del centrodestra. Questo non ha da essere, quindi in questo rapporto di estrema attenzione per le realtà territoriali ma anche di ricostruzione politico-programmatica del centrodestra noi poniamo grande fiducia''.

Anche Romani è fiducioso che si possa ricostruire l'alleanza di centrodestra: ''Il segnale che vogliamo dare è quello di fare un lavoro accurato, che tenga conto di tutte le sensibilità espresse dal territorio''.

Toti si rivolge direttamente al segretario nazionale della Lega: ''Vorrei ricordare a Salvini che la Lombardia e il Veneto sono rette da un accordo tra Fi, Lega e Ncd e che Maroni in Lombardia si regge grazie anche ai 9 voti di Ncd...''. L'europarlamentare rilancia, quindi, la coalizione pensando a un futuro accordo su base nazionale: '' Oggi inizia un percorso. I nostri ex alleati sono ora su posizioni diverse, lo so bene, ma noi crediamo, come Fi, di avere il dovere, in quanto primo partito del centrodestra, di tentare di trovare una sintesi fra i vari partiti. Le posizioni non sono cosi' distanti. Cerchiamo più quello che ci unisce rispetto a quello che ci divide'', avverte il consigliere politico del Cav.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.