Home . Fatti . Politica . Vertice Asem, Napolitano: "Ora superare i danni e le implicazioni della crisi"

Vertice Asem, Napolitano: "Ora superare i danni e le implicazioni della crisi"

POLITICA
Vertice Asem, Napolitano: Ora superare i danni e le implicazioni della crisi

"Questa decima sessione dell'Asem coincide con un periodo tra i più complessi e problematici nella storia delle relazioni internazionali degli ultimi decenni". Così, in un passaggio del suo discorso, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla cena di gala del vertice in corso a Milano.

''L'imperativo più scottante che oggi richiede il massimo di sforzi da parte dell'Asem - ha sottolineato - è quello di superare i danni e le persistenti implicazioni della crisi finanziaria e economica mondiale iniziata nel 2008 e di rimuoverne le cause, i rischi di sue ripetizioni nel futuro''.

"All'Unione europea - ha detto il presidente - tocca ora imboccare la strada di politiche più favorevoli alla crescita, anche perché, nonostante indubbie differenze nel suo seno, è l'Europa nel suo insieme che accusa i colpi di una tendenziale stagnazione se non deflazione''.

In mattinata, anche Renzi aveva parlato di "necessità di investire per sostenere la crescita. Una crescita globale, che sia in grado di affrontare le difficoltà finanziarie e occupazionali che alcune zone del mondo stanno vivendo". E' questo l'auspicio del presidente del Consiglio, che ha aperto i lavori Asem a Milano. "Rispetto alla situazione economica e finanziaria internazionale, sappiamo che è un momento delicato. A maggior ragione l'Europa deve farsi trovare capace di dare una risposta economica che investa sulla crescita e non soltanto sul rigore dell'austerity", ha aggiunto il premier.

Per Renzi, un "altro tema che l'Asem dovrà affrontare è quello della povertà, ancora troppo diffusa, elemento di grande debolezza del nostro pianeta". Il premier ha citato anche l'epidemia causata dal virus Ebola, che "si sta tramutando in una grande emergenza umanitaria". Renzi ha infine definito Milano, che ospita il vertice, "una delle città più laboriose d'Europa, capitale economica dell'Italia e sicuramente una città in cui nel corso degli anni sempre si sono verificati fenomeni di innovazione. E' la città del design, della moda e dell'alta tecnologia".

E che al vertice euroasiatico si affronteranno grandi temi come le epidemie, il crimine internazionale e il terrorismo, lo hanno confermato anche il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e la cancelliera tedesca Angela Merkel.

CITTÀ BLINDATA - Una Milano blindata accoglie i 53 i capi di Stato e governo per il vertice che avrà l'evento principale al MiCo, il Centro congressi nella zona della Fiera attorno a cui è stata creata una 'zona rossa'. Le forze dell'ordine presidiano i punti caldi della città: 2.000 gli agenti in strada, tiratori scelti in piazza del Duomo e numerose squadre di pronto intervento formate da poliziotti, carabinieri e finanzieri sono sparse per la città.

IL CORTEO - Per le strade del centro hanno sfilato pacificamente giovedì mattina poche centinaia di studenti. Con loro anche i thailandesi che protestavano contro il dittatore thailandese che oggi verrà accolto a Milano in occasione del vertice (FOTO).

BLITZ DELLE FEMEN - In mattinata, intorno alle 8, due attiviste del gruppo 'Femen' si sono spogliate all'ingresso della Galleria Vittorio Emanuele, a pochi passi dal Duomo di Milano (FOTO). Le due, prive di documenti, avevano delle scritte, sul seno nudo, contro la politica di Putin e si sono cosparse di vino rosso, a simboleggiare il sangue versato sul popolo ucraino. Hanno detto di essere cittadine francesi e di avere i documenti in albergo, dove il personale della polizia le ha accompagnate per procedere all'identificazione e all'eventuale denuncia.

RENZI ALL'AEBF - Intervenendo ai lavori dell'Asia Europe Business Forum a Milano, l'evento collaterale all'Asem, Renzi (guarda il suo arrivo) ha sottolineato: i "nuovi vertici" dell'Ue "non dovranno essere solo dei volti nuovi ma dovranno anche interpretare la fase nuova che si apre. E d'altra parte dico a ognuno di voi che o da questa vicenda si esce tutti insieme, o la crisi che sta tornando prepotentemente sui mercati internazionali è una crisi che non avrà vincitori".

SIPARIETTO RENZI-ABE - Durante i lavori dell'Asia Europe Business Forum c'è stato spazio anche per una piccola disfida culinaria tra il premier giapponese Shinzo Abe e Renzi. Ad Abe che ricordava l'importanza e la genuinità della cucina giapponese, "patrimonio dell'Unesco" e nota per gli "ingredienti di ottima qualità", il premier ha risposto sorridendo all'"amico Shinzo": "Gli ho promesso un risotto alla milanese e una bella cotoletta, in attesa di andare a Napoli e fargli assaggiare la pizza".

MOGHERINI - Intervenendo all'Asia Europe Business Forum, il ministro degli Esteri e nuova lady Pesc Federica Mogherini ha osservato: "Siamo pienamente consapevoli" che la tendenza a livello globale "è la crescita dell'Asia, e non solo della Cina". Tutti i principali indicatori economici "stanno crescendo" in Oriente "più velocemente rispetto all'Europa".

BARROSO - Nel suo intervento il presidente della commissione europea José Manuel Barroso ha dichiarato: "L'Europa sta superando la più grande crisi che abbia affrontato, ma la parte più difficile è ora alle spalle. Stiamo andando verso il risanamento. Ai nostri amici asiatici devo dire: non sottostimateci. Stiamo uscendo dalla crisi più forti".

CHINA-ITALY FORUM - Prima del vertice si è svolto al Politecnico della Bovisa il China-Italy Forum con Renzi e il primo ministro cinese Li Keqiang. I due si erano già incontrati nei giorni scorsi a Roma dove hanno firmato una ventina di accordi commerciali per un valore di 8 miliardi di euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.