Home . Fatti . Politica . Camera, sliding doors al gruppo Misto: dopo Currò in vista altri arrivi

Camera, sliding doors al gruppo Misto: dopo in vista altri arrivi

Pisicchio, dal 'big bang' del maggioritario in poi numeri sempre più consistenti

POLITICA
Camera, sliding doors al gruppo Misto: dopo Currò in vista altri arrivi

In rotta con i vertici del M5S, arriva nel gruppo Misto di Montecitorio Tommaso Currò. Ma il 'decano' dei gruppi parlamentari potrebbe presto arricchirsi di nuove unità. Lo dice all'Adnkronos Pino Pisicchio, presidente del Misto dal marzo del 2013. Con l'arrivo dell'ex deputato pentastellato, il numero dei parlamentari ospitati dal Misto sale a 25, ma il gruppo più antico della Camera si è spesso avvicinato a quota 100: 71 componenti nella passata legislatura, 83 nella quindicesima. "Il Misto è sempre esistito, fin dalla prima legislatura, ed è l'unico che esisterà sempre. E' uno spazio di libertà piena che, di fatto, dà senso e corpo all'articolo 67 della Costituzione che stabilisce come il deputato sia libero da vincoli di mandato", spiega Pisicchio.

La consistenza media del Misto è stata, nel corso delle legislature, simile a quella attuale. Ma ci sono state fasi della politica che hanno visto numeri quattro volte superiori: "la 'transumanza', per richiamare un'immagine bucolica, dei deputati era stata un fenomeno pressochè sconosciuto fino alla tredicesima legislatura, la prima dopo il 'big bang' del maggioritario", prosegue Pisicchio.

"Da un certo momento in poi -aggiunge il presidente del Misto- gli eletti all'interno di partiti, ormai orfani delle strutture democratiche che ne avevano caratterizzato la vita nella prima Repubblica, entrati in rotta di collisione con il 'capo' non hanno avuto altra scelta se non quella di abbandonare il gruppo parlamentare".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.