Home . Fatti . Politica . Nuovo scontro in Forza Italia: Chiarelli attacca il 'cerchio magico', Brunetta gli revoca incarico

Nuovo scontro in Forza Italia: Chiarelli attacca il 'cerchio magico', Brunetta gli revoca incarico

non più capogruppo in commissione Giustizia Camera, Fitto attacca 'partito della censura'

POLITICA
Nuovo scontro in Forza Italia: Chiarelli attacca il 'cerchio magico', Brunetta gli revoca incarico

Gianfranco Chiarelli

Scoppia un nuovo caso in Forza Italia. Teatro la Camera, dove Gianfranco Chiarelli, capogruppo in commissione Giustizia ed ex coordinatore del partito a Taranto in quanto commissariato, durante la dichiarazione di voto sulle norme sulla prescrizione, si lascia andare a quella che definisce una "divagazione" sullo stato di salute del partito. Nel mirino finiscono la responsabile amministrativa Maria Rosaria Rossi, il consigliere politico Giovanni Toti e la responsabile Comunicazione Deborah Beragamini. "Sono impegnati ad attuare strategie finalizzate a togliere persone dalle liste, a commissariamenti, ad epurazioni con l'effetto di distruggere tutto ciò che il presidente Berlusconi ha realizzato".

"Consegnerò il mio intervento all'onorevole Bergamini -conclude Chiarelli- affinché lo possa far conoscere a Toti o a chiunque altro in modo che possano dire cose sensate quando appaiono in televisione". Immediata la reazione del presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, che con effetto immediato sostituisce il collega come capogruppo in commissione Giustizia.

Decisione che scatena la reazione di Raffaele Fitto e dei suoi sostenitori. "Non mi preoccupo -afferma l'ex governatore della Puglia- per Gianfranco Chiarelli, a cui esprimo amicizia e sostegno, ma per noi tutti, per cosa siamo diventati. Che situazione avvilente! Da partito liberale di massa, cosa siamo diventati? Il partito delle censure, dei commissariamenti, delle sostituzioni, delle epurazioni. Ciascuno puo' giudicare". "Il Gruppo -aggiunge Saverio Romano- - si compone di sensibilità, esperienze e contributi tra loro diversi ma per Brunetta esiste solo il suo". "Ogni censura -ricorda Daniele Capezzone- e' una pagina triste per chi la pratica, non per chi la subisce". "Non e' da adesso -esorta Maurizio Bianconi- che dico a Fitto che il califfato berlusconiano ha strangolato ogni ansia di rilancio del centrodestra e che e' l'ora di darsi una mossa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.