Home . Fatti . Politica . Appello del M5S alla minoranza Pd, fermiamo l'Italicum o sarà dittatura del Capo

Appello del M5S alla minoranza Pd, fermiamo l'Italicum o sarà dittatura del Capo

Toninelli, "una ventina le proposte di modifica presentate, le appoggino e non lascino commissione"

POLITICA
Appello del M5S alla minoranza Pd, fermiamo l'Italicum o sarà dittatura del Capo

Danilo Toninelli, l'uomo riforme del M5S

"In Aula non abbiamo speranze sui numeri, tutto dipende da quanto avverrà in commissione, quindi mi rivolgo a chi, nel Pd, ritiene di avere ancora un'onestà intellettuale affinché rimanga in commissione". Così Danilo Toninelli, uomo riforme del M5S e vicepresidente della commissione Affari costituzionali, affida all'Adnkronos il suo appello rivolto alla minoranza dem, all'indomani della spaccatura del Pd in assemblea.

"I nostri emendamenti all'Italicum - spiega - sono meno di una ventina perché, come abbiamo sempre detto, da parte nostra c'è la massima volontà e serietà per migliorare il testo. Chiediamo dunque a tutte le forze politiche non renziane, compresa la minoranza del Pd, di votare le nostre proposte su preferenze, quorum al ballottaggio e su tutto quanto è necessario a migliorare il testo, compresa l'eliminazione delle pluri-candidature".

A detta di Toninelli, l'Italicum è una legge "molto pericolosa per la democrazia perché tutto il potere sarebbe in mano a una sola persona. Questa legge elettorale non elegge il Parlamento, ma il presidente del Consiglio che a suo volta nomina i parlamentari". Se la legge venisse approvata così com'è, "saremmo davanti ad un sistema di governo ben peggiore del presidenzialismo, assimilabile a una dittatura del capo". Per questo, "chiediamo a chi ha onestà intellettuale di restare in commissione" e "appoggiare i nostri emendamenti per cambiarla insieme".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.