Home . Fatti . Politica . Regionali in Campania, dal piano per l'occupazione al tpl a metano: le sfide della Ciarambino (M5S)

Regionali in Campania, dal piano per l'occupazione al tpl a metano: le sfide della Ciarambino (M5S)

POLITICA
Regionali in Campania, dal piano per l'occupazione al tpl a metano: le sfide della Ciarambino (M5S)

Valeria Ciarambino, candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania

Stimolare la crescita puntando su occupazione, turismo e sostegno alla filiera agroalimentare campana, risolvere l'emergenza rifiuti a partire dal recupero totale della materia, promuovere politiche ambientali basate sull'ecosostenibilità. Sono alcuni dei punti contenuti nel programma elettorale di Valeria Ciarambino, candidata del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni regionali in Campania.

Nel programma elettorale della candidata grillina, viene illustrato un "piano di azione per l'occupazione", che prevede un reddito di cittadinanza regionale, edifici inutilizzati della Regione alle pmi, zone franche urbane per le aziende hi tech, formazione dei giovani nelle aziende, creazione di posti di lavoro da nuove politiche ambientali. Per le fasce deboli è prevista inoltre "una banca della terra". "Offriamo i terreni della Regione o quelli incolti a cooperative di disoccupati - si legge nel programma - destinando parte dei prodotti coltivati a banchi alimentari per indigenti".

Per incentivare lo sviluppo, nel programma della candidata 5 Stelle si punta inoltre a promuovere "il consumo delle eccellenze campane attraverso sgravi fiscali ad imprese che utilizzino prodotti agroalimentari campani". Si pensa inoltre a istituire in Regione "una task force permanente che supporti gli agricoltori per l'accesso ai fondi e strategie" e a valorizzare "l’agroalimentare campano, il nostro 'oro nero': no alle trivellazioni".

Per rilanciare il turismo la candidata del Movimento 5 Stelle propone l'istituzione di un 'webnetwork', con la creazione di una piattaforma dei servizi "per la promozione delle attrattive e della bellezza della Campania, una vetrina al passo con i tempi adattata alle moderne strategie di digital marketing , che valorizzi le specificità territoriali e le filiere turistiche basate su percorsi culturali e agroalimentari".

"Il turista potrà continuare la sua esperienza acquistando prodotti tramite il portale una volta tornato a casa (e-­commerce) - si legge nel programma elettorale - Il portale dovrà essere redatto nelle lingue inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, russo e cinese. Su tale piattaforma si provvederà inoltre ad attivare un progetto di crowd-funding per libere donazioni dei cittadini per la manutenzione ordinaria o anche il restauro di un bene di interesse storico-­artistico".

Quanto alle politiche per contrastare l'emergenza rifiuti, tra i punti presenti nel programma elettorale della Ciarambino, il recupero totale della materia, la videosorveglianza contro roghi e sversamenti, l'adeguamento e la rifunzionalizzazione dei depuratori. Secondo il programma della candidata del Movimento 5 Stelle, "il distretto del Riciclo è l’unica risposta ecocompatibile ed ecosostenibile alla questione ecoballe, attraverso il recupero della materia, consentendo inoltre la creazione di posti di lavoro".

"Lo smaltimento delle ecoballe, pari a circa 6 milioni di tonnellate su tutto il territorio campano - si legge nel programma - avviene mediante impianti mobili: non serve dunque spostarle per il trattamento, ma sono le attrezzature a spostarsi col procedere delle lavorazioni. Dopo l'avvenuta caratterizzazione e 'spaccottamento' si effettua la differenziata spinta con attrezzature meccaniche e con mano d'opera. Il residuo non recuperabile sarà sottoposto a trattamento speciale attraverso un processo di vetrificazione della materia, ottenendo un residuo inerte per l’edilizia. Mai più inceneritori e discariche come miniere".

Una nuova strategia dei rifiuti, quindi, quella promossa dalla candidata del Movimento 5 Stelle, "muovendo dall’assunto che ciò che viene definito rifiuto altro non è che materiale di scarto, riutilizzabile ancora n volte. Il rifiuto non esiste. No alla produzione di energia dai rifiuti. Riduzione, riuso, recupero, riciclo. Immediato avvio dei piani di raccolta differenziata, specificamente porta a porta per l’umido". Contro i roghi e gli sversamenti abusivi, Ciarambino propone inoltre di mettere sotto videosorveglianza tutte le aree a rischio, e valorizzare "la risorsa mare attraverso il completamento e la riqualificazione della rete regionale di depurazione, allo scopo di incrementare le zone balneabili e le bandiere blu"

Sempre in tema di tutela ambientale, il programma della candidata 5 Stelle punta all'efficientamento energetico per edifici e mezzi pubblici. "Convertiamo l’intero patrimonio pubblico con impianti a energia rinnovabile. Immaginate quale vantaggio per l’ambiente e quanta energia potrebbero produrre ad esempio impianti fotovoltaici sui tetti e sulle facciate degli edifici pubblici e quante risorse si potrebbero risparmiare se tutti i mezzi per il trasporto urbano fossero a trazione elettrica o a metano? Le risorse risparmiate le investiamo in servizi per i cittadini o sgravi sulle tariffe". Sul trasporto pubblico, si punta a "trasformare in elettrico o metano i bus che girano in città e con i risparmi aumentare i collegamenti con aree interne". Altro capitolo la sanità. "Il costo per sanare il buco milionario della sanità, causato dalla pessima gestione della politica - si legge nel programma - è ricaduto interamente sui cittadini, con tagli indiscriminati al servizio, aumento del ticket, aumento dell’Irap e dell’Irpef. In Regione col M5S aboliamo il ticket, recuperando parte dei fondi dal taglio degli sprechi e dei costi della politica".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.