Home . Fatti . Politica . Regionali in Campania, Sandra Lonardo: "Udc? De Luca imbarca tutti per tentare di vincere"

Regionali in Campania, Sandra Lonardo: "Udc? De Luca imbarca tutti per tentare di vincere"

I diktat di De Mita sulle candidature, se sono veri, sarebbero gravissimi

POLITICA
Regionali in Campania, Sandra Lonardo: Udc? De Luca imbarca tutti per tentare di vincere

Sandra Lonardo (Infophoto)

"L'alleanza dell'Udc con De Luca si giudica da sola, non c'è bisogno di commentare. Basta andare su internet per vedere tutte le dichiarazioni che De Luca aveva fatto contro De Mita per capire che ha imbarcato tutti pur di tentare di vincere". Così Sandra Lonardo, moglie dell'ex guardasigilli Clemente Mastella, candidata nelle liste di Forza Italia a Benevento per le prossime elezioni regionali in Campania, commenta la scelta dell'Udc di sostenere il candidato di centrosinistra Vincenzo De Luca.

Una coalizione, quella che sostiene De Luca, in cui, secondo Sandra Lonardo, "ci sono tutti: dall'estrema destra all'estrema sinistra e persone con problemi giudiziari, senza nessun tipo di selezione. Lui stesso non rispetta le regole. Agli elettori l'ardua sentenza".

Alla domanda se l'alleanza tra De Mita e De Luca sposterà gli equilibri, risponde: "Mi pare che con De Mita non sia andato nessuno, gli uscenti sono rimasti tutti con Caldoro tranne uno. A Benevento l'Udc non ha fatto neanche la lista, molti sui territori sono in contrapposizione con De Mita. I diktat di De Mita sulle candidature di cui parlano i giornali, se sono veri, sarebbero gravissimi". Diverso invece il giudizio sulla persona, sottolinea la Lonardo, che su De Mita dice: "Indubbiamente il suo è un nome conosciuto, ci mancherebbe altro, io rispetto la persona, non ne parlo male, ma evidenzio la situazione politica".

Quanto alla candidatura di De Luca, "è l'espressione della doppia morale del Pd". Lonardo cita il 'caso Lupi' per sottolineare che "il Pd ha una doppia morale a livello nazionale e locale e schiera un candidato che, se eletto, avrà problemi di insediamento, in una regione come la Campania che ha già tanti problemi".

"Siamo il Paese delle contraddizioni, dove ormai le regole non sono più tali - conclude - ma i cittadini auspicano che all'indomani del voto la Regione sia già operativa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.