Home . Fatti . Politica . Scintille in Fi, Ravetto a Toti: "Sei un nominato". Lui replica: "Non hai mai cercato un voto"

Scintille in Fi, Ravetto a Toti: "Sei un nominato". Lui replica: "Non hai mai cercato un voto"

POLITICA
Scintille in Fi, Ravetto a Toti: Sei un nominato. Lui replica: Non hai mai cercato un voto

Laura Ravetto (Infophoto)

Scintille in Forza Italia tra Laura Ravetto e Giovanni Toti: motivo del contendere le primarie per la scelta del candidato-sindaco a Miolano e l'autonomia 'regionale' che la deputata lombarda di Fi rivendica nei confronti del governatore della Liguria. ''Giovanni è un amico - premette Ravetto - ma mi pare surreale che lui, indicato da Berlusconi, debba dire a noi lombardi di fare le primarie per il sindaco di Milano".

La replica del governatore ligure, che non nomina idirettamente la deputata azzurra, è piuttosto ruvida. ''Vedo troppe persone preoccupate per la propria poltrona. Soprattutto tra coloro, che non hanno mai cercato e preso una preferenza in vita loro... Sono onorato di essere stato nominato da Berlusconi, ma io ho messo sempre la mia faccia quando ho fatto politica". Toti ricorda infatti di aver fatto "due campagne elettorali in 2 anni, mettendoci la faccia e raccogliendo 150mila preferenze alle europee e vincendo le regionali in Liguria, cosa francamente non così scontata''.

Ravetto critica chi come Toti propone le consultazioni popolari, ma in passato, nel maggio del 2014, nel pieno dello scontro tra 'lealisti' e 'fittiani' proprio sull'uso delle primarie per la scelta della nuova classe dirigente di Fi, la parlamentare azzurra era stata incaricata da Berlusconi di lavorare alla definizione di un "testo per il regolamento delle primarie". Le scintille Ravetto-Toti sono solo l'ennesima puntata di una partita, quella delle comunali del 2016, destinata a infiammare il confronto interno quanto quello sulle riforme.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.