Home . Fatti . Politica . Razzi come San Tommaso: "Il test nucleare? Finché non vedo, non credo"

Razzi come San Tommaso: "Il test nucleare? Finché non vedo, non credo"

POLITICA
Razzi come San Tommaso: Il test nucleare? Finché non vedo, non credo

Antonio Razzi (Fotogramma)

"Non ho detto che il test nucleare è falso o che è un'invenzione ma io sono come San Tommaso: se non vedo, non credo. Per questa ragione lunedì prossimo incontrerò l'ambasciatore nordcoreano in Italia per sapere come stanno veramente le cose". Lo ha detto all'Adnkronos il senatore di Fi Antonio Razzi, ieri e oggi attaccato e bersagliato dall''ironia dei social per aver messo in dubbio l'esplosione e giustificato il governo di Pyongyang.

"Io non ho difeso nessuno, difendo la pace. Io ho fatto un ragionamento: c'è stato un terremoto 5.1 della scala Richter ma non sappiamo quale sia l'origine. E' vero c'è stato l'annuncio in tv al telegiornale ma le autorità della Corea del Nord hanno anche assicurato che mai e poi mai utilizzeranno il nucleare per scopi bellici. Comunque io voglio avere informazioni di prima mano, al di fuori della propaganda. Per questo lunedì incontrerò l'ambasciatore in Italia, Chun Guk Kim e così anche voi giornalisti ne saprete di più".

"Io sono contrario all'isolamento di Pyongyang, contrario alle sanzioni - lo sono anche per quelle imposte alla Russia o a Cuba - dobbiamo togliere l'embargo e trattare, dialogare. Cina e Usa non ricorrano alla prova di forza, mettano in campo la diplomazia. Sono presidente dell'associazione interparlamentare Italia-Corea, sono già stato in Corea del Nord nove volte e ogni volta mi accolgono con grande amicizia e rispetto, che è reciprocamente contraccambiato. Sono pronto: se c'è da facilitare il dialogo - conclude il senatore di Fi - sono pronto, mi accoglierebbero a braccia aperte".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI