Home . Fatti . Politica . Germania: Rimini, Forza Nuova lancia corso di autodifesa per le donne

Germania: Rimini, Forza Nuova lancia corso di autodifesa per le donne

blitz associazione Evita Peron, compare striscione 'Colonia: è questa la vostra integrazione!'

POLITICA
Germania: Rimini, Forza Nuova lancia corso di autodifesa per le donne

Mentre proseguono ad oltranza le passeggiate della sicurezza nei quartieri più degradati e sui mezzi pubblici, Forza Nuova Rimini lancia ora, tramite l'associazione Evita Peron, un corso di anti-aggressione e autodifesa, completamente gratuito, riservato esclusivamente alle donne. Il primo appuntamento è in agenda per il 23 gennaio. Il corso, a cura del maestro di karate Ludovico Ciccarelli, docente federale nazionale nella Fesik, è aperto a tutta la cittadinanza, è completamente gratuito e non richiede alcun requisito se non l'essere donna e la prenotazione anticipata al 339 2228102.

"Le vicende di violenza, stupri e molestie in continua crescita nel nostro paese ed i fatti di Colonia e di tante altre città, ci fanno comprendere quanto sia importante anzi prioritario non solo difendere le nostre donne ma poter insegnare loro le dovute tecniche di autodifesa personale" afferma la responsabile nazionale dell'associazione Evita Peron, Desideria Raggi, spiegando che semplici accorgimenti ed azioni deterrenti in determinati casi possano difendere l'incolumità personale.

Intanto questa notte l'Associazione Evita Peron ha preso una posizione forte e decisa sui vergognosi fatti di Colonia: un blitz notturno vede i muri di numerose città italiane avvolti da uno striscione dal chiaro messaggio: 'Colonia: è questa la vostra integrazione!'. "Siamo sotto attacco - rimarca Raggi - in questo momento la priorità deve essere la difesa delle nostre donne. Le continue vicende di violenza, stupri, molestie riecheggiano in tutta Europa; Colonia ne è l'esempio lampante, l'integrazione è semplicemente fallita". "Il nostro popolo - conclude - è in balia di una selvaggia immigrazione e le nostre donne sono diventate la preda più appetibile per questi sedicenti profughi".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI