Home . Fatti . Politica . Caos Roma, Grillo scrive al Corsera: "Non siamo perfetti ma non ci arrendiamo"

Caos Roma, Grillo scrive al Corsera: "Non siamo perfetti ma non ci arrendiamo"

POLITICA
Caos Roma, Grillo scrive al Corsera: Non siamo perfetti ma non ci arrendiamo

(Fotogramma)

"Temo la perfezione… Perché temo la perfezione? Semplice… è una proprietà che può essere soltanto inventata o sognata. La perfezione capita per alcuni istanti, non di più, se la chiedi significa che vuoi la dittatura. È una forma di nuovo benpensantismo autoassolutorio". Lo scrive Beppe Grillo in un intervento pubblicato dal 'Corriere della sera'. "Camuffati da tetri pantaloni - scrive - ci sono dei frustrati che cercano l’uomo forte! Questo è il senso estremo del benpensantismo di oggi… qualcosa che, nella mia mente, non trova perdono e giustificazioni, solo nauseato fastidio".

"In questo caso - prosegue - mi dispiace tanto, ma il movimento avrebbe solo ritardato l'arrivo di nazisti, fascisti e leghisti! Ma ritardare una involuzione senza cambiare nulla nel frattempo non serve!". Il leader M5S affronta il caso Roma: "Se non siamo neppure capaci di affrontare insieme uno scrollare fra i tanti che i peggiori romani stanno rivolgendo alla Raggi allora mi scuso, e se fosse possibile vi restituirei i voti. Ma non si può: le cose devono fare il loro corso e noi non ci arrendiamo!".

"Anche imperfetti - sottolinea - siamo forti della nostra umanità, della nostra determinazione e non regaleremo ai pavidi, agli ignavi, un uomo forte acchiappato di sponda proprio attraverso di noi! Solo i dittatori e i loro portapalle credono all’umano perfetto: non è roba per noi. E neppure questo nuovo di essere benpensanti ci interessa! Votate Verdini, votate il Pd, votate chi vi tiene due piccole paure vostre, non dei vostri figli, lontane… Votate per il nulla, ma scegliete!", conclude Grillo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI