Home . Fatti . Politica . M5S perde pezzi in Europa: lasciano Affronte e Zanni /Video

M5S perde pezzi in Europa: lasciano Affronte e Zanni

POLITICA
M5S perde pezzi in Europa: lasciano Affronte e Zanni /Video

Primi due addii a Bruxelles nelle file del M5S, dopo il tentato accordo con l'Alde e il ritorno all'Efdd con l'Ukip di Nigel Farage. A lasciare l'europarlamentare Marco Affronte, che passa al gruppo dei Verdi. A dirlo all'Adnkronos lo stesso Affronte. In serata anche l'eurodeputato del Movimento Cinque Stelle Marco Zanni ha lasciato il gruppo Efdd guidato da Nigel Farage per passare in qualità di indipendente nel gruppo Enf, di cui è co-presidente la leader del Front National Marine Le Pen.

Le ragioni di Affronte - "A partire da oggi entro a far parte, come indipendente, del Gruppo al Parlamento Europeo 'Verdi - Alleanza Libera Europea'. Resterò membro titolare delle Commissioni Pesca e Ambiente (PECH e ENVI). Il Gruppo V-ALE conterà così su 51 parlamentari da 18 Paesi diversi", ha scritto Affronte su Facebook.

Una "decisione molto sofferta" che mi "ha fatto stare male" ha spiegato lo stesso europarlamentare a Bruxelles. "E' una decisione che ho preso in questi ultimi giorni, ma maturata da tempo - ha continuato Affronte - i dubbi ci sono, però non c'erano più le condizioni per rimanere in quel gruppo. Ho comunque la necessità e la volontà di portare avanti dei lavori e delle battaglie e credo che il gruppo dei Verdi sia quello più indicato per il ruolo che sto svolgendo qui al Parlamento Europeo". Nella delegazione del M5S "c'è del malcontento", ma "non ho idea di che cosa faranno gli altri. La cosa che più mi fa male è lasciare i miei colleghi, che sono delle persone veramente straordinarie", ha detto Affronte.

Il "foglio" firmato dagli eurodeputati del Movimento Cinque Stelle al momento della nomina, in cui tra l'altro era prevista una multa salata per chi avesse violato il codice di condotta, legalmente vale "meno" della "carta straccia", accusa Affronte.

"Quando siamo venuti qui - spiega - abbiamo firmato un foglio, non riesco a chiamarlo diversamente, in cui tra le altre cose c'era scritto anche di questa penale. Da quello che so, dal punto di vista legale ha un valore praticamente meno di carta straccia. Vedremo. Non credo nemmeno che arriveranno al punto vergognoso di arrivare a chiedere una cosa del genere". La validità legale dell'accordo, che prevedrebbe una sanzione da 250mila euro a carico dei trasgressori, era già stata messa in dubbio da diversi costituzionalisti, dato che i parlamentari europei, al pari di quelli nazionali, non hanno vincolo di mandato.

Ma Grillo insiste sul blog: "Per Affronte multa da 250mila euro, li daremo ai terremotati"

Nel gruppo dei Verdi/Ale nell'Europarlamento "ho chiesto e ottenuto di avere la totale autonomia nel voto - ha poi spiegato - Con i Verdi ho votato nello stesso modo, in questi due anni e mezzo, l'80% delle volte. Credo che quel 20% di differenza sia proprio sulle tematiche economiche, dove i Verdi hanno delle posizioni molto più pro euro. In quei casi deciderò volta per volta come votare".

"Benvenuto nel gruppo dei Verdi al Parlamento europeo a Marco Affronte, deputato europeo del M5S. Buon lavoro" ha scritto su Twitter Monica Frassoni, presidente del Partito Verde Europeo. A stretto giro è arrivato anche il tweet di Angelo Bonelli: "I verdi italiani danno il benvenuto al deputato europeo Affronte ex M5S che ha aderito al gruppo europeo dei Verdi".

Ha smentito invece le voci di un suo addio, che ormai trovavano conferma tra gli stessi 5 Stelle, l'europarlamentare M5S Daniela Aiuto. "Smentisco i rumors delle ultime ore - ha scritto in un tweet - da parte mia non ci sarà nessun passaggio ai Verdi e resto nel gruppo Efdd con il Movimento 5 Stelle".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI