Home . Fatti . Politica . Da first lady a compagna silente: che fine ha fatto Francesca Pascale

Da first lady a compagna silente: che fine ha fatto Francesca Pascale

POLITICA
Da first lady a compagna silente: che fine ha fatto Francesca Pascale

(Fotogramma)

Pochissime e brevi apparizioni pubbliche. Nessun titolo sui giornali, nessuna foto, nemmeno 'rubata', neanche un selfie o un tweet. Solo qualche indiscrezione stampa, come la partecipazione alla festa di compleanno a sorpresa, organizzata a palazzo Grazioli giusto due settimane fa, per i 40 anni dell'amica Mariarosaria Rossi, tornata in pista dopo mesi di silenzio. In tanti si chiedono che fine abbia fatto Francesca Pascale. Da first lady ed esponente di primo piano del cosiddetto cerchio magico a compagna silente del leader, rispondendo a una precisa strategia mediativa.

La giovane fidanzata del presidente di Fi si tiene fuori dalle polemiche di partito e lontana dai riflettori, e continua ad occuparsi dei diritti dei gay e di tutta la comunità Lgbt. A quanto apprende l'Adnkronos è titolare anche di una Fondazione ad hoc, con marchio e nome regolarmente registrati, 'Fondazione i Colori della Libertà'.

Da un po' di tempo l'impegno della Pascale si è concretizzato appunto nella fondazione che, almeno nel nome, ricorda una sorta di spin-off gay friendly di Forza Italia e dell’universo politico liberale che da oltre vent’anni gravita attorno alla figura di Berlusconi. La giovane fidanzata del Cav è la titolare del marchio 'Fondazione i Colori della Libertà’, depositato presso l’Ufficio Brevetti e Marchi del ministero dello Sviluppo economico l’11 settembre 2014 e registrato il 2 luglio dell’anno successivo. Il logo ha i colori della bandiera ‘Rainbow’, il simbolo più utilizzato dal movimento di liberazione omosessuale, un piccolo tricolore sulla destra e le lettere YX collocate sopra il segno 'uguale'.

Pascale, ex consigliera provinciale del Pdl a Napoli e animatrice del club 'Silvio ci manchi', è scomparsa dai radar. Probabilmente per cedere il passo a Silvio Berlusconi, ritornato sulla scena politica dopo una delicata operazione a cuore aperto e determinato a rivendicare la sua leadership all'interno del centrodestra, in vista delle prossime elezioni. Pascale vive stabilmente ad Arcore, a Villa San Martino, con i barboncini Dudù e Dudina. Ridotte al contagocce le trasferte romane.

Fonti azzurre raccontano che sta seguendo i lavori di ristrutturazione della nuova dimora (si tratterebbe di Villa Gimbelli) che il Cav le ha regalato in Brianza, a circa dieci chilometri di distanza, in località Casatenovo, frazione di Rogoredo. L'uscita di scena della Pascale coincide con il ricovero al San Raffaele dell'ex premier il 14 giugno scorso per la sostituzione della valvola aortica.

Da allora, l'ex consigliera provinciale pidiellina ha assunto un low profile. Per volontà della famiglia del Cav (Marina in testa), di comune accordo con i vertici Mediaset (Fedele Confalonieri, in particolare) e Gianni Letta, che hanno voluto creare un 'cordone sanitario' attorno al leader forzista convalescente con l'aiuto di Niccolò Ghedini, Valentino Valentini e Sestino Giacomoni. Il basso profilo è stato mantenuto anche dopo la piena riabilitazione del presidente forzista e dura tutt'ora. E corrisponde alla nuova strategia mediatica adottata da Arcore, che punta a calibrare le uscite pubbliche e le interviste del leader azzurro.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI