Home . Fatti . Politica . Migranti, Gentiloni: "Faremo passi avanti con partner Ue"

Migranti, Gentiloni: "Faremo passi avanti con partner Ue"

POLITICA
Migranti, Gentiloni: Faremo passi avanti con partner Ue

(AFP PHOTO)

Sui migranti l'Italia farà passi avanti con i partner dell'Unione europea, anche se "non mi aspetto conversioni improvvise" e le parole di Renzi sul tema sono assolutamente ragionevoli. E ancora la convinzione che l'Italia stia facendo uno sforzo importantissimo da rivendicare "a testa alta". Sono alcuni dei temi trattati dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, in conferenza stampa al termine del G20 di Amburgo.

"La cosa che ha scritto Matteo (Renzi, ndr) nel libro che non ho letto, ma che leggerò nei prossimi giorni, è una cosa che, se la si vuole leggere in modo onesto, è assolutamente ragionevole" dice Gentiloni, rispondendo ad una domanda. Il riferimento è ad una frase che appare nel libro del segretario del Pd, rilanciata poi sulla pagina ufficiale del Partito democratico su Facebook.  

"Non commento le indiscrezioni per mestiere - continua Gentiloni, riferendosi all'ipotesi di utilizzare porti più a nord per le navi che portano migranti - e ho l'abitudine di non commentare libri che non ho letto. Scherzando, potrei dire che al G20 non se ne è parlato". 

"Se uno vuole leggere, e c'è chi lo fa nello spettro politico italiano, è assolutamente legittimo che lo faccia", ma non è quello che dice Renzi, aggiunge il premier. "Quella frase, 'aiutiamoli a casa loro', non è come una frase che dice 'se vogliono venire a casa nostra li mitragliamo, alziamo un possibile muro in mezzo al mare, li mettiamo in galera, li cacciamo', allora sarebbe piuttosto bizzarro".

"Siccome tuttavia - prosegue - il governo di cui ho fatto parte come ministro degli Esteri e che era guidato da Matteo Renzi ha sviluppato una politica per anni su questa materia, è chiarissimo che il nostro messaggio è che bisogna purtroppo tenere insieme diversi pezzi: è molto difficile negare il fatto che nel medio periodo solo il cambiamento delle condizioni economiche in Africa frenerà i grandi flussi migratori".

MIGRANTI - "Non parlerei di indifferenza" nei confronti dell'Italia riguardo alla posizione della Francia in tema di migrazioni. "Abbiamo punti di vista diversi e confido nel fatto che l'Italia è dalla parte della ragione e quindi con i propri vicini e alleati possa fare passi avanti. Naturalmente non mi aspetto conversioni improvvise" afferma il presidente, ribadendo la posizione dell'Italia.

G20 - Per quanto riguarda i risultati del G20, va dato "un giudizio realistico. Era difficile nel contesto attuale aspettarsi risultati scoppiettanti. E' un giudizio realistico: non credo che sia una svolta nelle relazioni internazionali, ma è stato fatto uno sforzo rimarchevole per arrivare a dei compromessi con risultati accettabili" afferma Gentiloni.

CRISI - "Il G20 - aggiunge il premier - è una fotografia abbastanza fedele del contesto internazionale ed economico nel quale ci troviamo, caratterizzato da una crescita economica globale che investe varie aree del mondo e dall'altra parte, nonostante questa crescita, dei fattori di incertezza che derivano dal fatto che la crisi" ha avuto delle "conseguenze sociali", che "hanno innescato spinte di tutela e protezione, spinte che sono quelle nei confronti delle quali bisogna misurarsi".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI