Home . Fatti . Politica . Renzi: "Berlusconi e D'Alema si accordarono per il Colle"

Renzi: "Berlusconi e D'Alema si accordarono per il Colle"

POLITICA
Renzi: Berlusconi e D'Alema si accordarono per il Colle

(Fotogramma)

Quando si trattò di eleggere il successore di Napolitano al Quirinale, Silvio Berlusconi si presentò da Matteo Renzi con un nome "concordato con la minoranza del Pd". Lo scrive proprio il segretario dem nel libro "Avanti", secondo lo stralcio pubblicato da 'Democratica'. Berlusconi, insomma, sostiene Renzi si era accordato con D'Alema e gli offriva una sorta di "prendere o lasciare", facendo dipendere da questo anche il proseguimento del cammino delle riforme. "Non ricordo un solo accordo Berlusconi-D'alema che alla fine sia stato utile per il paese", sottolinea il leader del Pd.

Nell'incontro, rivela l'ex premier, Berlusconi "mi spiega infatti di aver ricevuto una telefonata da Massimo D'Alema, di aver parlato a lungo con lui, e che io adesso non devo preoccuparmi di niente perché 'la minoranza del Pd sta con noi, te lo garantisco'".

Renzi narra dello stupore dei partecipanti al tavolo e sottolinea: "Non solo non avevamo mai inserito l'elezione del Capo dello Stato nel Patto del Nazareno, ma l'idea che Berlusconi abbia già fatto una trattativa parallela con la minoranza del mio partito sorprende anche i suoi". In quel momento, racconta Renzi, "sono le due di pomeriggio del 20 gennaio: nel salotto del terzo piano di palazzo Chigi capisco che il Patto del Nazareno non esiste più: il reciproco affidamento si è rotto".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI