Home . Fatti . Politica . Gentiloni: "Difenderemo la nostra libertà dal terrorismo"

Gentiloni: "Difenderemo la nostra libertà dal terrorismo"

POLITICA
Gentiloni: Difenderemo la nostra libertà dal terrorismo

(AdnKronos)

"Non credo alla propaganda di questo o quel sito jihadista ma sono consapevole che nessun Paese, e quindi certo neanche l'Italia, può sentirsi al riparo dalla minaccia". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini.

"Quindi è decisivo per le forze dell'intelligence, forze dell'ordine, militari dell'esercito impegnati nell'operazione Strade Sicure, sentire il Paese unito attorno alle forze che tutelano la nostra sicurezza. I terroristi - ha concluso Gentiloni - non ci costringeranno a rinunciare alla nostra libertà. Noi difenderemo la nostra libertà".

Il trentottesimo Meeting non può non aprirsi "con un omaggio alla Catalogna e a Barcellona. Questa città straziata che anche stamattina, con la messa per la pace che si è svolta nella Sagrada Familia, ha dato un messaggio di forza umana a tutta l'Europa. Alla splendida amica Barcellona noi diciamo che siamo al suo fianco" ha detto il premier dal palco.

"Abbracciamo le famiglie dei cittadini italiani che hanno perso la vita" nell'attentato di Barcellona, ha aggiunto Gentiloni. "Daesh è stato sconfitto nel suo tentativo di trasformare in uno Stato la sua presenza terroristica, ma la sua minaccia continua".

Il premier ha poi espresso il suo "sostegno a quelle forze che si impegnano per garantire la nostra sicurezza. E' importante tanto quanto ripetere che i terroristi non ci costringeranno a rinunciare alla nostra libertà". E ancora: "Chiediamoci da dove viene questo vento di chiusura. George Orwell osservava che per vedere quello che abbiamo davanti al naso serve uno sforzo costante".

Il presidente del Consiglio ha fatto il suo ingresso tra gli applausi nell'Auditorium Intesa San Paolo della Fiera di Rimini, dove è in corso l'incontro 'L'eredità e il futuro dell'Italia'. A introdurre i lavori la presidente del Meeting, Emilia Guarnieri.

Il premier è stato accolto, tra gli altri, dal presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, dal sindaco di Rimini Andrea Gnassi e da Emilia Guarnieri. Dopo un breve giro tra gli stand, Gentiloni è entrato nello spazio espositivo 'Nuove generazioni: i volti giovani dell'Italia multietnica'.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI