Home . Fatti . Politica . Fine vita verso l'ok, Ius soli rischia stop

Fine vita verso l'ok, Ius soli rischia stop

POLITICA
Fine vita verso l'ok, Ius soli rischia stop

(Fotogramma)

A palazzo Madama l'attenzione è concentrata sulla manovra che entro giovedì sarà al voto dell'aula, dove potrebbe approdare domani pomeriggio. Prima di giovedì, dunque, non è prevista alcuna conferenza dei capigruppo chiamata a fissare il calendario dei lavori delle ultime settimane dell'anno (e, quasi, della legislatura). In particolare, al centro dell'attenzione politica, e mediatica, il ddl sulla cittadinanza e il biotestamento.

Ma da quello che si percepisce negli ambienti di maggioranza a palazzo, la maggioranza, in conferenza dei capigruppo, potrebbe puntare sul provvedimento, al momento, meno divisivo e 'dirompente' per l'opinione pubblica, come il biotestamento, che andrà davanti all'assemblea senza relatore.

In pochi scommettono sulla possibilità che la maggioranza riesca davvero a centrare entrambi gli obiettivi. Una ragione è essenzialmente numerica: il biotestamento, per quanto delicato come tema, è anche una questione di coscienza e, mentre non è escluso che persino per i senatori centristi di Ap alla fine sarà quella la scelta, in aula, con l'appoggio del M5S il provvedimento avrebbe già una sponda fondamentale nell'opposizione. E con i voti del Pd e della sinistra potrebbe farcela a diventare legge.

Discorso più complesso per lo ius soli. Il ddl sulla cittadinanza è di quelli a forte richiamo elettorale, il centrodestra è sulle barricate da mesi e politicamente, ma anche in aula, è molto meno trasversale. Non solo Ap non è disposta a fare sconti, ma anche i Cinque Stelle contestano il provvedimento, rinviando a una scelta che andrebbe fatta a livello europeo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.