Home . Fatti . Politica . Pisapia si ritira. Pd: avanti su coalizione

Pisapia si ritira. Pd: avanti su coalizione

POLITICA
Pisapia si ritira. Pd: avanti su coalizione

Giuliano Pisapia (FOTOGRAMMA)

Giuliano Pisapia si ritira. E' quanto viene riferito all'AdnKronos al termine della riunione di Campo progressista.

Il movimento animato dall'ex sindaco di Milano sarebbe così giunto al capolinea e, a quanto si spiega, la componente ex Sel dovrebbe avviare un percorso di avvicinamento a Piero Grasso e alla lista 'Liberi e Uguali'.

PD - "Dobbiamo prendere atto che non siamo riusciti nel nostro intento - dichiara Pisapia al termine della riunione dei vertici di CP -. La decisione di calendarizzare lo Ius Soli al termine di tutti i lavori del Senato, rendendone la discussione e l'approvazione una remota probabilità, ha evidenziato l'impossibilità di proseguire nel confronto con il Pd".

CENTROSINISTRA - "Ci abbiamo provato, per molti mesi, con tanto impegno ed entusiasmo. Il nostro obiettivo, fin dalla nascita di Campo Progressista, è sempre stato quello di costruire un grande e diverso centrosinistra per il futuro del Paese in grado di battere destre e populismi. Oggi dobbiamo prendere atto che non siamo riusciti nel nostro intento", prosegue Pisapia.

PARLAMENTO - "Ringrazio di cuore tutte le donne e gli uomini che hanno creduto e si sono impegnati in questo progetto e che ora si muoveranno secondo le proprie sensibilità, la cui diversità è sempre stata, a mio modo di vedere, una delle ricchezze e risorse più importanti di questa esperienza. In Parlamento e nel Paese - conclude - continuerà il nostro impegno per l'approvazione di norme di civiltà per il nostro Paese''.

I DEM - Intanto, sottolineano fonti del Partito democratico, anche dopo la scelta di Pisapia e di non fare parte dell'alleanza, si va avanti con il progetto di coalizione di centrosinistra.

LISTE - Le stesse fonti spiegano che con il Pd ci sarà sicuramente una lista di sinistra con ex Sel come Massimo Zedda, Massimo Smeriglio, Luciano Uras, Michele Ragosta e Dario Stefano e una lista centrista con Pier Ferdinando Casini e Beatrice Lorenzin, mentre prosegue il dialogo con +Europa per chiudere l'intesa con la lista di Emma Bonino.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI