Home . Fatti . Politica . Sito M5S va in tilt

Sito M5S va in tilt

POLITICA
Sito M5S va in tilt

(Fotogramma)

Sito del M5S in tilt. Slitta così il termine per la presentazione delle autocandidature alle parlamentarie del Movimento 5 Stelle, che sarebbe dovuto finire ufficialmente alle 12 ed è stato prorogato alle 17.

Tutti gli iscritti, per potersi candidare alla consultazione online, hanno infatti dovuto iscriversi alla nuova Associazione M5S: a farlo, tuttavia, un numero forse eccessivo di aspiranti parlamentari, tanto alto da bloccare il sito. E sui social e sui blog delle Stelle è montato il malcontento di molti aspiranti candidati che non hanno potuto accedervi.

AUTOCANDIDATURE - Dopo la scadenza del termine per le parlamentarie del Movimento 5 Stelle - posticipata "per poter garantire la più ampia partecipazione" - tra i parlamentari uscenti hanno scelto di non ripresentare la propria candidatura la senatrice sarda Manuela Serra - che su Fb ringrazia Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio e annuncia di voler continuare ad aiutare il M5S come attivista - e Riccardo Nuti, deputato palermitano sospeso in passato per il caso firme false insieme alle colleghe Giulia Di Vita e Claudia Mannino.

In un lungo post su Fb Nuti stronca il 'nuovo' M5S: "Il Partito delle Stelle - scrive - non è il Movimento 5 Stelle" e "se per crescere si guarda al cattivo esempio, ovvero i partiti che hanno degradato il Paese, c'è il forte rischio di confondersi fra questi e a quel punto non si potrà che arrivare dove già costoro ci han portato".

NUTI - Tra i punti contestati da Nuti, la clausola che obbliga i futuri parlamentari 5 Stelle a votare la fiducia a un governo targato M5S, così "la come multa in caso di allontanamento per dissenso politico come se il Partito delle Stelle avrà sempre ragione e rispetterà sempre il programma e a tradirlo sarà per forza il parlamentare. La storia ci insegna che in realtà non è così ma anzi può verificarsi il contrario".

Dito puntato anche contro la gestione dei casi che riguardano esponenti indagati: "Nel Partito delle Stelle - denuncia Nuti - si possono candidare indagati e imputati che vuole il capo politico. Così lo stesso capo politico indagato si può candidare, i parlamentari che hanno un processo in corso si potranno candidare se il capo politico vorrà, altrimenti lo stesso capo politico potrà decidere a sua discrezione chi far fuori e chi no".

MANTERO - Sarà della partita, invece, il deputato Matteo Mantero, che è stato in forse fino all'ultimo: "Se riterrete che in questi anni abbia fatto il mio dovere e pensate che la mia esperienza sia ancora utile sarò lieto e orgoglioso di essere ancora vostro portavoce, diversamente lascerò volentieri il mio posto a forze fresche", scrive su Fb rivolgendosi agli attivisti M5S.