Home . Fatti . Politica . Salvini: "Governo durerà 10 anni, non 5 mesi"

Salvini: "Governo durerà 10 anni, non 5 mesi"

POLITICA
Salvini: Governo durerà 10 anni, non 5 mesi

(Fotogramma)

"Non abbiamo niente da invidiare a tedeschi a francesi". Da Rosarno in Calabria il segretario della Lega, Matteo Salvini parla di governo, Europa e di religione. "Rispondo a tutti, cercherò di metterci meno tempo possibile, per un governo non che duri cinque mesi - ha assicurato -, ma che duri almeno dieci anni, per fare tutto quello che c'è bisogno di fare". "La settimana scorsa -ha ricordato Salvini- ho chiamato Di Maio, Martina, perché Renzi stava giocando a tennis, Grasso e vediamo di partire il prima possibile". "Non faro mai parte", comunque, sottolinea, "di quei classici governi dove ci sono dentro tutti per non fare niente, non avendo paura di andare a votare".

EUROPA - Merkel e Macron, dice Salvini, "si occupino della Germania e della Francia. Dell'Italia si occupano gli italiani, non abbiamo bisogno di lezioni dagli altri e tantomeno da loro"."Sull'agricoltura e sulla pesca o a Bruxelles ci danno ragione oppure difendiamo con le unghie, con i denti e con i dazi i frutti del nostro mare e della nostra terra" avverte.

PUTIN - "Spero che i russi democraticamente rieleggano uno degli uomini politici più in gamba che ci sia in questo momento in circolazione", ha detto Salvini, facendo riferimento alle elezioni presidenziali di domenica in Russia. E "spero che tutti rispettino questo voto".

TELEVISIONE - "Mi sono tolto la soddisfazione, tra tutti quelli che ci hanno trattato male in campagna elettorale, di dire un no" ammette Salvini, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa. "Uno che non mi aveva invitato in campagna elettorale, stranamente mi ha invitato dopo e gli ho detto: da Fabio Fazio non ci vado, invita qualcun altro non me, un po' di coerenza".

RELIGIONE - "Un ragazzo mi ha fatto un bel regalo, un Rosario. Sono l'ultimo dei buoni cattolici, l'ultimo che può dare lezioni di morale: sono divorziato, vado a Messa due volte all'anno, lungi da me spiegare come si sta al mondo da buoni cattolici - conclude il leader della Lega - . Però il nostro è un Paese che ha radici cristiane e guai a chi si vergogna e a chi cancella queste radici cristiane".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI